Green pass non validi e trasporti mancanti, il racconto del ritorno a scuola

Green pass non validi e trasporti mancanti, il racconto del ritorno a scuola
ilmessaggero.it INTERNO

“Con le entrate alle 8 e alle 9,40 come previsto dal ministero, noi dovremmo avere tre uscite visto che i nostri ragazzi da piano di studio frequentano i laboratori.

E i primi disagi per i trasporti che non combaciano con gli orari degli studenti.

Alcuni intoppi nei controlli del green pass con corsa al tampone.

Ma Cotral – racconta – non può garantire le tre uscite

La carica dei 38mila, a scuola tra cattedre vuote e bidelli mancanti. (ilmessaggero.it)

Su altre testate

Ceraso parte da quanto le scuole hanno fatto: “La scuola si è organizzata per accogliere gli alunni mettendo in atto ogni misura necessaria a garantire lezioni in presenza al 100%. E solo per Cremona, perché per Crema e Casalmaggiore il problema lo hanno risolto garantendo un unico orario di entrata e uscita. (Cremonaoggi)

La sinergia messa in campo tra tutti i soggetti chiamati in causa permetterà a tutti di utilizzare i mezzi pubblici per dirigersi a scuola. Riteniamo importante fin da subito cercare di dare risoluzione alle problematiche che potrebbero emergere, per garantire l’attività didattica in presenza ed in piena sicurezza“ (Radiogold)

Ci chiediamo, ad esempio, quale sarà il potere dei controllori, che andrebbe ampliato, visto che non sono pubblici ufficiali”. “Secondo le linee ministeriali – dice Campo – le Regioni entro il 2 settembre avrebbero dovuto aggiornare i propri piani di trasposto pubblico, ma dagli uffici dell’assessore Falcone non trapela assolutamente nulla. (Radio RTM Modica)

Più autobus per l’apertura delle scuole

In precedenza il Sindaco di Reggio Luca Vecchi e l’assessore all’educazione Raffaella Curioni hanno fatto visita anche al Centro Internazionale Loris Malaguzzi che è diventato una nuova sede del progetto di Scuola Diffusa ospitando una classe della scuola elementare Collodi. (Reggionline)

Dentro, non è successo nessun imprevisto che impedisse loro di entrare. Fuori dal Natta e dal Paleocapa, almeno un centinaio di ragazzi è seduto sul cordolo: «Entro alle 8.55 ma sono dovuto arrivare con i mezzi delle 8, ora resto in attesa del mio turno per entrare» (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

Il mancato rispetto delle regole comporterà l’interruzione del servizio. Le scuole riaprono e l’Atp è già pronta ad accogliere gli studenti sui suoi autobus potenziando il servizio fino a tre mezzi su un’unica corsa. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr