Cinquecentomila euro per tornare in Italia, la compagna del trader Costantino lancia un appello a Cartabia

La Repubblica ESTERI

Costantino era infatti stato prelevato a Dubai dagli agenti della Guardia nazionale degli Emirati Arabi Uniti, che non avevano presentato alcun mandato né avvisato l'ambasciata italiana del provvedimento ai danni dell'imprenditore.

Una speranza "che ripongo in lei, ministra Cartabia, confidando in lei con tutto il mio cuore e con quello di mia figlia Agata" conclude Stefania Giudice

La bambina della coppia ha compiuto pochi giorni fa 5 anni ed è stata costretta a festeggiare un altro compleanno senza il padre. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri media

Ed è proprio la lontananza dalla sua famiglia "lo strazio più grande, quello che mi fa male al cuore" dice il trader Soldi però che sono fuori dalla sua disponibilità finanziaria, avendogli bloccato la società e trovandosi senza lavoro. (IL GIORNO)

La tesi dell'uomo è che il suo arresto sia stato il risultato delle "deteriorate relazioni diplomatiche tra il nostro Stato e gli Emirati Arabi Uniti", in particolare dopo la decisione dell'Italia, a gennaio 2021, di non esportare più armi al Paese Il trader era stato prelevato dagli agenti della Guardia nazionale degli Emirati, i quali non avevano presentato alcun mandato né comunicato il provvedimento ai danni dell'uomo all'ambiasciata italiana. (MilanoToday.it)

di Redazione Cronache. Scarcerato dopo oltre un anno di detenzione negli Emirati Arabi ma costretto a rimanere nel Paese arabo a causa della condanna a una pena di 550 mila euro: «Il mio Stato mi ha abbandonato. (Corriere Milano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr