Hong Kong, arresti degli attivisti pro-democrazia: c'è un americano

la Repubblica ESTERI

Si tratta di una evoluzione significativa, viste le continue accuse di collusione con le forze straniere mosse da Pechino al campo democratico di Hong Kong.

Dopo aver trionfato nelle elezioni distrettuali del 2019 infatti l'opposizione cullava la speranza di conquistare per la prima volta una maggioranza anche nel Consiglio legislativo, il Parlamento di Hong Kong.

Tai era già stato licenziato dall'Università di Hong Kong lo scorso luglio, a seguito di una condanna per le proteste del 2014. (la Repubblica)

Se ne è parlato anche su altre testate

Condividi. Joshua Wong, uno dei leader del movimento per la democrazia ad Hong Kong, già in carcere per il suo ruolo nelle proteste del 2019, è stato formalmente accusato di "sovversione", ha dichiarato oggi una fonte della polizia locale. (Rai News)

La Cina difende l’operazione: misura necessaria. Tuona Antony Blinken, scelto Joe Biden come futuro leader della diplomazia: “È un attacco a chi difende i propri diritti, Usa al fianco del popolo di Hong Kong”. (Il Sole 24 ORE)

"L'operazione odierna prende di mira gli elementi attivi che sono sospettati di essere coinvolti nel crimine di rovesciare o interferire (e) distruggere seriamente l'esecuzione legale dei doveri del governo di Hong Kong". (Rai News)

Arrestati nei giorni scorsi Hong Kong: rilasciati su cauzione oppositori arrestati. Mike Lam King-nam, il rilascio, Hong Kong (AP Photo/Kin Cheung). Condividi. Sono stati rilasciati sotto cauzione e senza accuse 52 dei 55 oppositori e attivisti di Hong Kong arrestati nei giorni scorsi. (Rai News)

La portavoce Hua Chunying ha poi aggiunto che «questo tipo di mossa sarà sicuramente punita dalla storia». Molti di quei candidati alla fine furono poi squalificati e le autorità decisero di rinviare le elezioni a settembre 2021 a causa del coronavirus. (Corriere del Ticino)

Secondo Steve Li, sovrintendente senior della polizia, sono stati perquisiti 72 luoghi diversi e notificati ordini di consegna di materiale utile alle indagini a 4 società. L’operazione viene difesa dalla Cina come misura necessaria, spiega in conferenza stampa la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr