Vaccini, la Danimarca esclude Johnson & Johnson

La Stampa ECONOMIA

«L'Autorità sanitaria danese ha concluso che i vantaggi dell'utilizzo del vaccino Covid-19 di Johnson & Johnson non superano il rischio di causare il possibile effetto avverso in coloro che ricevono il vaccino», ha sottolineato l'autorità sanitaria danese in un comunicato.

La Danimarca ha motivato la sua decisione con le preoccupazioni per dei gravi effetti collaterali legati alla formazione di coaguli di sangue. (La Stampa)

Ne parlano anche altri giornali

I dati dello studio Ensemble hanno dimostrato che il vaccino a dose singola contro il Covid-19 di Johnson & Johnson è stato efficace all'85% contro le forme gravi/critiche della malattia. La reattogenicità (reazione alla vaccinazione) è stata maggiore con il vaccino Johnson & Johnson contro il COVID-19 rispetto al placebo, ma le reazioni sono state generalmente da lievi a moderate e transitorie. (Quotidiano.net)

Anche il ministro Speranza, qualche giorno fa, ha aperto all’uso per i 50enni di AstraZeneca e Johnson e Johnson. La base sono gli studi più recenti effettuati in Gran Bretagna, dove sono state somministrate 21 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca con un numero infinitesimale di effetti collaterali. (The Wam)

Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento. Dati personali. Privacy e cookie. Informativa ai sensi dell’art. Modalità del trattamento. Il trattamento dei dati personali avverrà nel pieno rispetto dei principi di riservatezza, correttezza, necessità, pertinenza, liceità e trasparenza imposti dal GDPR. (amiatanews.it)

Vaccini 65-69enni, prenotazioni avanti tra stop e alta affluenza

Tuttavia, fino a 15 giorni dopo la somministrazione della seconda dose la protezione potrebbe essere incompleta. Chiudiamo la nostra guida con Johnson & Johnson (Janssen). (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati I due vaccini con adenovirus oggi sono riservati agli over 60, sulla base della raccomandazione di Aifa (agenzia italiana del farmaco) che si era espressa dopo le valutazioni di Ema. (ilmattino.it)

Terminate le prenotazioni, sono state messe a disposizione 92mila dosi Pfizer da programmare per tutto il mese di maggio. “Ancora un click day, ancora un flop per la Regione, ancora disagi per i toscani che vorrebbero vaccinarsi, costretti ad assurde gare a chi ha il dito più veloce (gonews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr