Le 33 stelle nel cielo Michelin. Ecco i migliori chef italiani

Le 33 stelle nel cielo Michelin. Ecco i migliori chef italiani
il Giornale CULTURA E SPETTACOLO

Anzi, le nuove stelle sono 34, ma Giuseppe Solofra, chef dei Tre Olivi di Paestum zompa da zero a due nel tempo di un amen.

Inutile sorprendersi quindi se tra gli undici tristellati c'è soltanto una donna (Nadia Santini) e se tra i 33 neo-macaronati c'è una sola donna, la giovanissima Solaika Marrocco del leccese Primo Restaurant, che forse per risarcimento di genere riceve anche il prmio come giovane chef. (il Giornale)

Su altri media

Assegnate due nuove Stelle Michelin in Calabria, una delle due nel cosentino. Biafora (San Giovanni in Fiore) e Lepore (Lamezia Terme) si aggiungono ai 5 riconfermati dalla scorsa edizione: Abbruzzino, Dattilo, Pietramare, Gambero Rosso e Qafiz. (Cosenza 2.0)

Tutti i ristoranti stellati di Roma. Come anticipato, praticamente non ci sono novità per quanto riguarda la lista dei ristoranti stellati di Roma e del Lazio. Ristoranti Tre Stelle a Roma. Ristorante La Pergola dell'hotel Hilton – Chef Heinz Beck. (Fanpage)

Il ristorante più amato dalla guida Michelin rimane dunque ’Il Piccolo Principe’ di Viareggio, che conferma le due stelle Michelin. Non solo Forte e Viareggio, si diceva: nel parterre di stelle della Versilia c’è anche ’Franco Mare’ della famiglia Stefanini, a Marina di Pietrasanta (La Nazione)

Faita Federcamping, riconfermato Nicola Napolitano

Rimangono 11 i tre Stelle, tutti confermati. Sono trentasei le nuove stelle della Guida Michelin 2022, presentata ieri in Franciacorta: due le new entry tra le 2 stelle, 33 tra le realtà 1 stella. (Leggo.it)

Il Veneto (quinto), a fronte del totale di 36 stelle, è la seconda regione più premiata del 2022 grazie a 5 nuovi stellati. Ma la città più dinamica (soprattutto nel bene ma in parte, hainoi, anche nel male) è Venezia che in un colpo solo vede accendersi tre nuove stelle e, al tempo stesso, ne perde due: lo storico Fiore, fino a ieri la più longeva stella della città, e il Ridotto. (Il Gazzettino)

Basti pensare che il settore dell’open air è la seconda forza in termini di disponibilità di posti letto nell’isola con 53248 posti letto (il settore alberghiero ne conta 86 mila, mentre la terza forza è rappresentata dagli alloggi privati con circa 47 mila posti letto – dati osservatorio. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr