Contagi Covid sul lavoro. Paolucci (Uil): «A gennaio altri 13 casi giunti all Inail»

Contagi Covid sul lavoro. Paolucci (Uil): «A gennaio altri 13 casi giunti all Inail»
Il Messaggero ESTERI

Non va sottovalutato poi il consolidamento dei numeri, fenomeno che si innesca perché l’elaborazione delle pratiche vanno oltre il mese di rilevazione

«Il panorama è inquietante - conclude Paolucci - soprattutto se si considera che molte persone sfuggono alle statistiche ufficiali perché non assicurate all’Inail.

«Sono salite a 257 le denunce di infortunio sul lavoro da contagio Covid-19 a Rieti e provincia. (Il Messaggero)

Se ne è parlato anche su altre testate

I dati. Al 21 febbraio in Lombardia 354.450 persone hanno ricevuto la prima dose (3,53%), 236.262 anche la seconda dose (2,36%) "Incominceremo tenendo conto come priorità degli over 80 - ha aggiunto Guido Bertolaso - ma continueremo a vaccinare in tutta la Lombardia. (IL GIORNO)

Voglio ricordare che il rispetto delle regole non opprime o limita ma ci rende liberi e sani. Da Alatri, Giuseppe Morini «L’unica contromisura che abbiamo a disposizione è il nostro senso civico nel rispettare le norme. (TG24.info)

E in provincia di Varese, che è tra quelle con il maggior incremento settimanale dei contagi (dopo Cremona), si registra una nuova impennata di casi positivi, 426. Sostanzialmente stabile invece il dato dei decessi in Lombardia: sono stati 43 nelle ultime 24 ore, mentre ieri erano stati 45. (malpensa24.it)

IN AUMENTO I CONTAGI AL MAZZINI, DISPOSTI I TAMPONI PER TUTTI I RICOVERATI

A questo link, come riconoscere i sintomi della variante inglese Quanto dura l’infezione. Il virus della variante inglese sembra entrare nelle cellule con maggior facilità. (QuiFinanza)

Il sindaco Scaturchio ribadisce l’invito alla prudenza. Informazione pubblicitaria. Ci sono cinque nuovi casi di positività al coronavirus Sars-Cov2 a Dasà. Gli ultimi contagi sono stati rilevati dai tamponi antigenici rapidi effettuati questa mattina alla biblioteca comunale. (Il Vibonese)

ggi pomeriggio l’Unità di crisi della Asl ha esaminato la situazione che si è venuta a creare all’ospedale Mazzini con la positivizzazione di alcuni degenti nei reparti di Medicina e Cardiologia. Tutti i ricoverati verranno sottoposti a tampone molecolare (tradizionale nel caso del Mazzini, rapido molecolare nel caso degli altri tre ospedali) ogni tre giorni, in modo da individuare tempestivamente eventuali altri positivi. (Certa stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr