Partì l’ordine: «Andate lì e annientateli»

Partì l’ordine: «Andate lì e annientateli»
La Gazzetta di Reggio INTERNO

In gola il sapore aspro e soffocante di lacrimogeni e degli urticanti, respirati tutto il giorno.

Nella mente la confusione incredula di scene nitide di violenza ma appannate dal fumo, dalle corse, dalla stanchezza e dalla tensione.

E forse anche ora, dopo venti anni, l’impressione più forte, quella indelebile, è di aver incontrato l’incongruità di un incubo

Nelle orecchie il suono terrorizzante e il ritmo che aumenta, dei manganelli della polizia che battono sugli scudi. (La Gazzetta di Reggio)

La notizia riportata su altri giornali

La morte di Giuliani e gli orrori della Diaz e di Bolzaneto Condividi:. Fin dal mattino viene segnalata la presenza di cosiddetti black bloc, ma le forze dell’ordine non intervengono, nonostante le numerose telefonate dei cittadini. (Sky Tg24 )

Al Ducale ‘Genova ’01, 20 anni dopo’ sarà il grande contenitore che ospiterà conferenze, tavole rotonde, libri, mostre, spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche in un cammino ideale attraverso i luoghi e i fatti del G8 del 2001. (LaPresse)

Stessa sorte per il ricorso, dichiarato 'inammissibile' dalla Corte europea, presentato da Angelo Cenni e dai colleghi. Allo stesso modo, la Corte europea ha dichiarato 'inammissibile' il ricorso di Angelo Cenni e altri due colleghi, capisquadra del VII Nucleo 1° Reparto Mobile di Roma. (GenovaToday)

G8 di Genova, Corte di Strasburgo: inammissibile il ricorso dei poliziotti

Pertanto "queste accuse sono manifestamente infondate" e il ricorso è "irricevibile". La decisione della Corte in composizione di giudice unico è definitiva e non può essere oggetto di ulteriori ricorsi (Primocanale)

In questo caso i dirigenti, tutti condannati a 4 anni per falso in appello, erano stati assolti in primo grado Allo stesso modo, la Corte europea ha dichiarato ‘inammissibile’ il ricorso di Angelo Cenni e altri due colleghi, capisquadra del VII Nucleo Reparto Mobile di Roma. (Genova24.it)

Per il caposquadra Cenni e i suoi due colleghi, la Corte Cedu «ritiene che i fatti presentati non rivelino alcuna apparenza di violazione dei diritti e delle libertà enunciati nella Convenzione o nei suoi protocolli» Ne consegue che le «accuse» mosse dai ricorrenti «sono manifestamente infondate» e il ricorso è «irricevibile». (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr