Bce: “Avanti con l'euro digitale, i cittadini chiedono privacy e sicurezza. Le avranno”

La Stampa ECONOMIA

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. il quotidiano e. gli allegati in digitale Sei già abbonato?

Continua la corsa della Banca centrale europea verso l’adozione dell’euro digitale.

Ma sempre con gli occhi puntati sulla privacy.

La consultazione pubblica sulla digitalizzazione della moneta unica dell’eurozona, lanciata dalla Bce lo scorso 12 ottobre e conclusasi dopo tre mesi, ha evidenziato che il 43% dei rispondenti, circa 8.200, è preoccupato dalla gestione dei dati personali. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri media

Lo ha detto oggi Fabio Panetta, membro del Consiglio direttivo della Bce, durante l'intervento di fronte alla Commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo. (Milano Finanza)

Hahn ha anche spiegato che sull'attesa sentenza della corte tedesca "non c'è un piano B" perché "siamo fiduciosi". "Un euro digitale può avere successo solo se soddisfa le esigenze degli europei", il commento di Fabio Panetta, membro del Comitato esecutivo della Bce. (la Repubblica)

“Rendere operativi senza ritardi i Piani nazionali di ripresa e resilienza è della massima importanza“, ha avvertito il vicepresidente della Bce che avverte: “se in Europa vogliamo una ripresa nei tempi previsti dobbiamo evitare qualunque effetto a cascata dal ritiro prematuro” delle misure di aiuto all’economia. (QuiFinanza)

La fine dello stimolo monstre proveniente dalla Banca Centrale Europea per sostenere l’economia della zona euro è i mesi contati. Il PEPP potrebbe vedere infatti la sua fine in meno di un anno, secondo quando dichiarato dal governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau. (Money.it)

“Vedremo inevitabilmente un maggior numero di bancarotte rispetto allo scorso anno”. La frase della presidente della Bce Christine Lagarde sarebbe arrivata come una doccia fredda sulle stime del bollettino annuale (SoldiOnline.it)

"Le stime che abbiamo ora è che saremmo in grado di distribuire l'euro digitale tra 5 anni", ha sintetizzato Panetta. Tra le altre ipotesi presentate da Panetta c'è anche quella di "rendere costoso usare l'euro digitale oltre una certa soglia come forma di investimento" (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr