Non c'è tregua per il settore auto: aprile il mese peggiore del 2022

Money.it ECONOMIA

Ci vorranno mesi per normalizzare quel collo di bottiglia,” ha dichiarato Peter Fuss, un partner del team automobilistico di EY

leggi anche Futuro nero per il settore auto.

Il settore automobili in Europa riuscirà a uscire alla crisi profonda?

Settore auto in Europa: la crisi non sembra avere fine.

Le immatricolazioni per il mese di aprile hanno mostrato un altro tonfo, il più grave finora nel 2022. (Money.it)

Su altri media

Tutti i principali mercati hanno contribuito alla performance negativa della zona Europa: Italia (-33,0%), Francia (-22,6%), Germania (-21,5%) e Spagna (-12,1%). Oltre a Dacia, gli altri marchi che hanno contrastato la tendenza al ribasso del mercato sono stati Hyundai, Kia e Honda. (AlVolante)

In forte contrazione ma contenuta rispetto ai due principali player anche BMW e Mercedes-Benz che registrano rispettivamente immatricolazioni in calo del 12,7% e del 14% da gennaio ad aprile Il mese scorso le autovetture immatricolate sono state 830.447, con un calo del 20,2% su aprile 2021 e del 38,3% su aprile 2019, periodo precedente alla pandemia. (Il Sole 24 ORE)

In Italia, auspichiamo che l’avvio degli incentivi all’acquisto delle vetture a zero e a basse emissioni, incentivi tecnologicamente neutrali e con un orizzonte temporale di 3 anni, possa mettere fine all’ ‘effetto attesà e far ripartire le vendite Tutti e cinque i major market (compreso Uk) - spiega - registrano una flessione a due cifre nel mese: Italia -33%, Francia -22,6%, Germania -21,5%, Regno Unito -15,8% e Spagna -12,1%. (Il Messaggero - Motori)

In sofferenza anche le moto che, con 13.878 veicoli immatricolati, hanno chiuso con un decremento del -6,55%. Il mercato delle due ruote nuove in Italia nel mese di aprile 2022 ha fatto segnare un calo di quasi il 9% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. (Motociclismo.it)

I costruttori hanno ripetutamente avvertito che il cambio avrebbe portato conseguenze, ma sono stati invitati ad andare avanti. In un “question time” ieri ha annunciato «ci sarà un nuovo dpcma sostegno dell’offerta dopo quello a sostegno della domanda» (ilmessaggero.it)

Le altre. La francese Renault, infine, registra un -16,3% ad aprile, mentre Hyundai sale del 13,2% Tutti i principali mercati hanno registrato una performance negativa ad aprile: Italia -33%, Francia -22,6%, Germania -21,5% e Spagna -12,1%. (FIRSTonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr