Ponte Stretto, Salini, finanziabile con le risorse del Pnnr

Quotidiano di Sicilia ECONOMIA

Per l'ad di Webuild il valore dell'opera è di sette miliardi, ma si potrebbe suddividere in diverse fasi la realizzazione utilizzando il Piano di Ripresa e Resilienza legato al fondo Next Generation. . . Il Ponte sullo Stretto di Messina potrebbe rientrare nella lista delle grandi opere finanziabili con le risorse del Piano di Ripresa e Resilienza (Pnnr) legato al fondo Next Generation Ue.

Successivamente “è stato deciso di non avviare i lavori”, ha incalzato spiegando però che “investire nell’Alta Velocità ferroviaria fino a Palermo non ha senso senza Ponte”. (Quotidiano di Sicilia)

Ne parlano anche altri media

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Noi ci mettiamo a disposizione del Paese, con la nostra capacità di coinvolgere tutta la filiera produttiva che gia lavora con noi, 7mila piccole e medie imprese”, ha proseguito Salini E’ dunque necessario costituire una squadra per la manutenzione delle opere del Paese sotto la regia coordinata di un general contractor. (La Sicilia)

Advertising. Agenzia_Ansa : 'Il ponte sullo Stretto di Messina? Direzione 1° Maggio”, tema evento: “SUD, Infrastrutt… - Birdwatch_Tolfa : No al Ponte sullo Stretto di Messina! (Zazoom Blog)

Avviato il cantiere per la realizzazione del Parco di Lulù, un’area attrezzata nel quartiere Tamburi con giochi per bambini, sala lettura e servizi.Il progetto, nato dalla sinergia tra l’associazione “Parole di Lulù” del cantautore Nicoló Fabi, la “Fondazione Pizzarotti” e il Comune di Taranto, sarà realizzato in un’area di proprietà comunale in via Verdi, adiacente […] (Tarantini Time)

La società ricorda che la nomina dei membri del nuovo consiglio di amministrazione avverrà a ridosso del completamento con successo della prima fase di Progetto Italia, l'operazione industriale di consolidamento delle infrastrutture in Italia che ha visto l'integrazione di Astaldi nel gruppo Webuild, operazione realizzata con il supporto di CDP Equity, Intesa Sanpaolo, UniCredit e Banco BPM (ilmessaggero.it)

Nel dettaglio, la lista n. 1, depositata lo scorso 3 aprile, congiuntamente dal socio di controllo Salini Costruttori e da CDP Equity, titolari complessivamente di 568.061.257 azioni pari al 63,67% del capitale sociale ordinario di Webuild, composta dai seguenti candidati, indicati nell’ordine progressivo previsto dalla. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr