Nuovo dpcm, spostamenti, seconde case, amici: cosa si può fare?

Nuovo dpcm, spostamenti, seconde case, amici: cosa si può fare?
Il Mattino INTERNO

Resterà quindi valido quanto stabilito dal governo Conte, e cioè saranno ammessi gli spostamenti verso le seconde case anche fuori Regione, e anche nelle zone rosse

E ancora: «Fino al 27 marzo nelle zone rosse non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

La novità è che nelle zone rosse sono vietati gli spostamenti nelle abitazioni private. (Il Mattino)

La notizia riportata su altri giornali

A stabilirlo è il decreto-legge approvato questa mattina durante la seduta del Consiglio dei Ministri che si è tenuta a Palazzo Chigi a Roma. Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5. (Zonalocale)

L’approccio della Gelmini sposa in pieno le richieste avanzante nella bozza unitaria presentata dal presidente della Conferenza Stato-Regioni, e dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. Anche i comuni spingono per riaprire i ristoranti la sera e chiedono un piano vaccinale di massa per il quale mettono a disposizione anche i palazzetti (newsbiella.it)

Come previsto dopo l'incontro di ieri sera (domenica 21 febbraio) il Consiglio dei ministri ha prorogato di un mese lo stop agli spostamenti tra regioni. Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5. (La Gazzetta di Mantova)

Covid, prorogato al 27 marzo il divieto di spostamento tra regioni

Fino al 27 marzo 2021 sarà infatti vietato spostarsi da un territorio regionale all’altro. Secondo il nuovo Decreto Legge, tuttavia, fino al 27 marzo 2021 tale spostamento non sarà più possibile nelle regioni colorate di rosso (Ohga!)

Per un altro mese, niente spostamenti fra le regioni. Ed entra in vigore il divieto di potere recarsi in visita ad amici e parenti nelle regioni in fascia rossa. (Motori.it)

Resta comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione”. Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, sono consentiti gli spostamenti anche verso Comuni diversi, purchè entro i 30 chilometri dai confini. (Tempo Stretto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr