Gualtieri: stime Pil oltre attese, nel prossimo decreto ulteriore sostegno a economia

Gualtieri: stime Pil oltre attese, nel prossimo decreto ulteriore sostegno a economia
Finanzaonline.com Finanzaonline.com (Economia)

È quanto dichiara il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, sottolineando che è “un dato che testimonia la solidità degli interventi messi in campo dal Governo e la possibilità per l’Italia di proseguire nel percorso di graduale e costante ripresa dell’attività economica, confermato anche dall’andamento delle vendite al dettaglio, che a giugno sono tornate a livelli vicini a quelli precedenti l’inizio dell’emergenza Covid-19”.

La notizia riportata su altre testate

Portogallo. Il Pil portoghese è sceso del 14,1% nel secondo trimestre dopo il -3,8% segnato nel primo. -. Belgio. Nel secondo trimestre il Belgio ha registrato un crollo del Pil pari al 12,2%, mentre su base annua la discesa è stata del 14,5%. (AGI - Agenzia Italia)

“Il crollo – continua l’Istat – si colloca all’interno di un contesto internazionale dove le principali economie registrano riduzioni di analoga portata”. È questo il timore ereditato dal trimestre orribile in cui l’economia tricolore si è contratta per 50 miliardi di euro. (Il Sussidiario.net)

- Pubblicità -. Dopo le varie previsioni drammaticamente al ribasso del Pil non solo per l’Italia ma per l’Europa e ii mondo è intervenuto anche e ovviamente il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri: “Le stime diffuse oggi dall’Istat sul Pil del secondo trimestre, pur negative a causa dell’inevitabile impatto della pandemia sui diversi settori produttivi, indicano una flessione meno grave di quanto atteso dalla maggior parte delle previsioni (la stima media era di un ribasso superiore al 15%) e pari a quasi la metà del calo atteso dalle previsioni più negative circolate nelle ultime settimane“. (Vicenza Più)

Bisogna fare in fretta anche perché depositando la lista dei progetti entro quella data sarà possibile ottenere anche il prefinanziamento fino al 10% dell’importo totale, che per l’Italia vale circa 20 miliardi. (La Legge per Tutti)

Italia in recessione tecnica. Questi drammatici dati, peggiori di quelli inizialmente previsti, hanno ulteriormente confermato che l’Italia è in recessione tecnica. Nel confronto con il trimestre precedente, il valore del Pil italiano nel secondo trimestre del 2020 risulta essersi ridotto di oltre 50 miliardi di euro. (Ultim'ora News)

Il Centro studi dell’associazione definisce i numeri dell'Istat «più negativi delle attese, con una variazione acquisita pari al -14,3% nel primo semestre. Dal lato della domanda, vi è un contributo negativo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta». (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr