Usa, la Fed aumenta (ancora) i tassi di interesse contro l’inflazione: «Ai massimi dal 2008. Non esiste una via indolore»

Open ECONOMIA

La Banca centrale degli Stati Uniti d’America, la Federal Reserve (Fed) ha aumentato i tassi di interesse dello 0,75% portando così il costo del denaro tra il 3 e il 3,25%, ai massimi dal 2008. Siamo al terzo aumento da 75 punti base – e al quinto in generale – effettuato quest’anno sui rialzi dei tassi. Una crescita definita dalla Fed appropriata. Questo perché l’inflazione continua ad essere alta ed è per questo che la Banca centrale vuole riportare l’inflazione al 2%. (Open)

Se ne è parlato anche su altri media

COMMENTA E CONDIVIDI Con un altro rialzo da 75 centesimi, la Federal Reserve ha portato il costo del denaro negli Stati Uniti in un intervallo tra il 3% e il 3,25%, il livello più alto dal febbraio del 2008. (Avvenire)

(ITALPRESS) – Con 4,6 miliardi di euro stanziati per la tutela della risorsa idrica, oltre 3 miliardi dei quali destinati alle aziende del comparto, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza può offrire un’accelerazione significativa degli investimenti e delle riforme nel settore. (Quotidiano di Ragusa)

IL RIALZO DEI TASSI – Visto il record di inflazione al 9,1%, la Bce ha deciso di rialzare i tassi di interesse di 0,75 punti base, nel tentativo di abbassare quello che è uno dei valori più alti nella storia dell’Eurozona. (Sky Tg24 )

Inflazione: Norges Bank aumenta tassi interesse dello 0,25%

La Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse sul dollaro di 75 punti base - cioè 0,75 punti percentuali - per la terza volta consecutiva, portando i fed funds ad una forchetta del 3%-3,25%. Inoltre, con un comunicato diffuso al termine del direttorio (Fomc) ha aggiunto di ritenere appropriato proseguire con i rialzi avvertendo di essere fortemente impegnata a far tornare l'inflazione al suo obiettivo del 2%. (idealista.it/news)

Home Depot Dow Jones (Borsa Italiana)

Milano, 22 set. L’istituzione finanziaria norvegese si aggiunge dunque alle tante altre banche in tutto il mondo che stanno agendo nell’ottica di ridurre l’inflazione (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr