È scattata la "caccia del Fisco": cosa sta succedendo

ilGiornale.it ECONOMIA

Per arginare gli illeciti, il Fisco ha vietato la compensazione intersoggettiva dei crediti tributari tramite l'accollo decidendo che i versamenti effettuati violando questa previsione normativa si considerano non avvenuti a tutti gli effetti di legge.

Dove puntano le analisi. L'amministrazione finanziaria si è concentrata sempre più sui contribuenti ad alta pericolosità fiscale soprattutto verso le frodi, l'utilizzo indebito di crediti d'imposta (come il bonus per ricerca e sviluppo) e altre agevolazioni come quelle per fronteggiare il Covid. (ilGiornale.it)

Su altre fonti

La classifica (forse) non stupisce. Chiusura della Partita IVA, come avviene. Nel momento in cui si decide di chiudere la Partita IVA, il titolare deve compilare un apposito modello denominato AA9/12 entro 30 giorni dalla cessazione dell’attività Il Fisco può chiudere la Partita IVA senza che il contribuente lo richieda. (ContoCorrenteOnline.it)

prenotazione, ossia l'ordine accettato dal fornitore e il pagamento di un acconto non inferiore al 20%) restano disciplinati dalle disposizioni previgenti (L. credito d'imposta per investimenti in beni strumentali di cui al Piano Nazionale Transizione 4.0. (Ratio Quotidiano)

Eliminando o comunque riducendo di molto la circolazione del contante, si riduce anche l’evasione fiscale, primo nemico del Fisco. E’ proprio in questi casi che può scattare il controllo dell’Agenzia delle Entrate per appurare la provenienza del denaro in questione. (Consumatore.com)

Gli acquisti da non fare in contanti. Per il motivo appena spiegato non è possibile pagare in contanti un bene di lusso. Devono rispettare la soglia massima per l’uso dei contanti anche le donazioni, i prestiti o i regali ai parenti. (La Legge per Tutti)

Evasione fiscale, dove si concentreranno i controlli. Particolare attenzione ai contribuenti rimasti inerti dopo le lettere di compliance fondate sulle informazioni relative ai redditi esteri arrivati grazie al Common reporting standard (Crs). (Wall Street Italia)

Il disegno di legge delega di riforma tributaria di 40 miliardi del Governo Draghi è cinque volte inferiore alle reali necessità degli Autonomi e Partite Iva. Falliranno un milione di Autonomi e Partite iva, quelli che hanno pagato di più il prezzo del covid, e con loro saranno licenziati da 3 a 9 milioni di dipendenti”. (LabParlamento)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr