Violenza sulle donne, Chiumeo: "Ci vogliono più atti concreti"

Violenza sulle donne, Chiumeo: Ci vogliono più atti concreti
BarlettaNews24 INTERNO

Ci vogliono più atti concreti, come potenziare ed incrementare sempre più i centri antiviolenza, dando a loro maggiori mezzi.

Il sogno è quello di un 25 novembre, un mese di novembre dove si annunci la fine di ogni violenza, l’abbattimento di ogni discriminazione

Il 25 novembre, un mese intero, dedicato a questa tematica, non può bastare.

Attualita. . . . 09:52:00. Le statistiche parlano per il 2021 di un femminicidio ogni 3 giorni. (BarlettaNews24)

Ne parlano anche altri giornali

Proposta civile. Ci auguriamo quindi che la commissione toponomastica accolga la nostra proposta, una proposta di civiltà che va oltre ogni divisione e colore politico Il contrasto alla violenza di genere è una battaglia di civiltà che deve andare avanti, nonostante tutto. (Tempo Stretto)

Un giorno, un mese, di dibattiti, incontri non sono riusciti a debellare un fenomeno che fra l’altro è stato incrementato dalla pandemia. Il 25 novembre, dal 1999, si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. (AndriaLive)

Il 25 novembre di quell'anno, infatti, tre sorelle furono uccise dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo, a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana. Una giornata come questa del 25 novembre, è importante perché serve per ricordare che ogni giorno, in Italia, ci sono 89 donne vittime di violenza di genere. (Termoli Online)

Giornata contro la violenza sulle donne, le riflessioni della Commissione pari opportunità di Giulianova

Una donna non dovrebbe mai doversi difendere da chi ama, non dovrebbe mai doversi difendere da nessuno. Dai loro account social gli artisti celebrano il 25 novembre per ricordare e rispettare la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. (OptiMagazine)

25 novembre 2021 a. a. a. Roma, 25 nov (Adnkronos) - "La prevenzione della violenza richiede ascolto, interventi, reti di sostegno e in molti casi strumenti per offrire alle donne un'alternativa di vita libera. (LiberoQuotidiano.it)

Solo tenendo accesi i riflettori sarà possibile intervenire sul substrato valoriale e culturale che genera la violenza contro le donne e su quella mentalità sedimentata e connivente che – tollerando relazioni fondate sulla diseguaglianza, su abusi e violazioni – la relega la violenza “tra le mura di casa” a “comportamenti privati e personali” dai quali distogliere lo sguardo. (Abruzzonews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr