Covid, positivo alla variante brasiliana: morto a 67 anni

Covid, positivo alla variante brasiliana: morto a 67 anni
La Tribuna di Treviso INTERNO

***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus. Coronavirus, Rezza: "Contro le varianti bisogna intervenire con le zone rosse". Si tratterebbe, secondo quanto riferisce l'Ansa, di un uomo di 67 anni con altre patologie che era ricoverato nel reparto di Medicina Covid.

Il decesso risale ad alcuni giorni fa, ma la notizia è emersa solo oggi, quando è stata accertata la positività alla variante.

Un uomo della provincia di Chieti positivo alla variante brasiliana del coronavirus è morto all'ospedale del capoluogo teatino, dove era ricoverato per i sintomi del Covid-19. (La Tribuna di Treviso)

Ne parlano anche altre testate

Il decesso risale ad alcuni giorni fa, ma. la notizia è emersa solo oggi, quando è stata accertata la positività alla variante. Si tratterebbe di un uomo di 67 anni con altre patologie che era ricoverato nel reparto di Medicina Covid. (Il Messaggero)

L'uomo aveva 67 anni, era ricoverato all'ospedale di Chieti. Era stato trasferito all’ospedale di Chieti, da una struttura di riabilitazione neurologica dell’Umbria, il paziente di, originario dell’India,del coronavirus, come accertato dalle analisi del laboratorio di genetica molecolare dell’Università Gabriele D’Annunzio Chieti-Pescara. (LaPresse)

Sì perché anche se i diretti interessati sono i piccoli studenti, chi li segue non ne è completamente dispensato. Ma il Maestro più conosciuto della città, seppur non potendoli dotare di una bacchetta magica, ha offerto spunti utili su come gestire questo spauracchio pomeridiano, "causa spesso di conflitto tra genitori e figli". (Vasto Web)

L'Abruzzo resta arancione: è ufficiale

Un uomo di 66 anni è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Chieti in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza dell’Aquila perchè deve scontare la pena definitiva di un anno 2 mesi e 11 giorni di reclusione in regime di detenzione domiciliare. (Rete8)

A livello provinciale in testa c’è il Pescarese (+271), seguito dal Chietino (+96), dal Teramano (+74) e dall’Aquilano (+46) Nelle ultime ore sono stati eseguiti anche 2.365 test antigenici. (AbruzzoLive)

Ieri avevamo anticipato, attraverso le dichiarazioni del Presidente Marco Marsilio, la permanenza in fascia arancione dell’Abruzzo, grazie ad un lieve abbassamento del valore dell’indice Rt, passato a 1,17. (Il Capoluogo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr