Suicidio Visin: «il gesto estremo di Seid non deriva da episodi di razzismo»

Suicidio Visin: «il gesto estremo di Seid non deriva da episodi di razzismo»
risorgimentonocerino.it INTERNO

«Il gesto estremo di Seid - hanno dichiarato i due genitori adottivi ai microfoni dei colleghi di Telenuova- non deriva da episodi di razzismo.

Non è chiaro cosa abbia spinto al suicidio il giovane adottato da una famiglia di Nocera Inferiore che, ad una carriera nel calcio professionistico.

Ricordiamo che aveva debuttato nelle giovanili del Milan condividendo l’esperienza con il portiere Gianluigi Donnarumma, ma aveva preferito lo studio. (risorgimentonocerino.it)

Su altre fonti

I genitori di Seid, coloro che lo hanno accolto e gli hanno donato sostegno e amore, comprensibilmente sconvolti per l'accaduto, non parlano, per ora. C'è una sola frase, a loro attribuita e pubblicata da Telenuova, l'emittente televisiva più radicata e autorevole sul territorio: «Il gesto estremo di Seid non deriva da episodi di razzismo». (Fanpage.it)

Non è tornato a casa nemmeno a Natale. Doveva essere un periodo di svago dopo un lunghissimo isolamento vissuto a Milano a causa del lockdown. (ilmattino.it)

Per il padre, Seid era benvoluto ed accettato da tutti in città: “Fu uno sfogo, era esasperato dal clima che si respirava in Italia. Aveva vissuto assieme a Seid Visin a Milano per circa due anni nel periodo 2014-2016 quando i due condividevano il sogno di sfondare nel calcio. (Leggilo.org)

Solo lacrime e amore per Seid, i genitori: “Suo gesto estremo non deriva da episodi di razzismo”

"Mio figlio non si è ammazzato perché vittima di razzismo. A proposito della lettera scritta due anni fa dal giovane dice: "Fu uno sfogo, era esasperato dal clima che si respirava in Italia. (L'Unione Sarda.it)

Infatti, nella lettera Seid Visin scrive: “Ovunque io vada, ovunque io sia, ovunque mi trovi sento sulle mie spalle, come un macigno, il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti delle persone“, spiegando anche che le cose erano cambiate negli ultimi anni Ha scelto di impiccarsi a casa dei propri genitori e sarebbero stati alcuni episodi di razzismo all’origine della tragica fine di Seid Visin, 20enne di origine etiope che risiedeva a Nocera Inferiore con la sua famiglia adottiva da anni. (Leggilo.org)

— laura boldrini (@lauraboldrini) June 5, 2021. #SeidVisin “Sento gli sguardi schifati su di me.”Cosa siamo diventati? pic.twitter.com/X5OfywucGD — Fondazione Luigi Einaudi Onlus (@fleinaudi) June 5, 2021 (aSalerno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr