Sodalizio tra Luxottica e Università di Padova per la tutela dei lavoratori.

Sodalizio tra Luxottica e Università di Padova per la tutela dei lavoratori.
Oggi Treviso Oggi Treviso (Economia)

Il professor Andrea Crisanti. PEDEROBBA - Tamponi ‘intelligenti’ e ‘badge di prossimità’ saranno alcuni degli strumenti messi in atto da Luxottica grazia alla collaborazione sancita con l’Università di Padova

Se ne è parlato anche su altre testate

Luxottica si avvarrà di un nuovo Laboratorio Covid-19 diretto dal prof. Andrea Crisanti presso l’Università/Azienda Ospedale di Padova, realizzato con il contributo iniziale di 1,5 milioni di Euro della Fondazione Leonardo Del Vecchio e che potrà gestire a regime fino a 40mila tamponi diagnostici al mese. (L'Amico del Popolo)

Qualora venisse identificato un caso di positività, tali informazioni potranno permettere di intervenire nell'isolare potenziali focolai e sottoporre a nuovo tampone i lavoratori potenzialmente esposti al contagio. (Il Gazzettino)

Il commento di Francesco Milleri, Amministratore Delegato di Luxottica “La dimensione unica di questa crisi richiede risposte e strumenti nuovi, non adattamenti di vecchi modelli. L’insieme delle misure è stato affinato e validato dal gruppo di ricerca del Prof. (la tribuna di Treviso)

Luxottica chiederà ai lavoratori di fornire e aggiornare tramite questionario un set di informazioni utili per classificare contesti e comportamenti. La prima fase di test offrirà una fotografia esatta e completa della popolazione Luxottica e sarà finalizzata a isolare i positivi asintomatici. (Corriere della Sera)

Il progetto è stato presentato ai sindacati ed è sviluppato dall'equipe del prof. Crisanti. Luxottica lancia un piano di tamponi sistematici per i suoi 15mila dipendenti in Italia, con l'introduzione di un 'algoritmo COVID-19' di proprietà e la sperimentazione di 'badge di prossimità' per tracciare i contatti dei positivi asintomatici, isolando possibili nuovi focolai. (Il Mattino di Padova)

Il badge di prossimità integra e potenzia la capacità predittiva del modello di sorveglianza attiva e l’efficacia del protocollo di test. Lo strumento permetterà a regime di intervenire sul personale Luxottica con tamponi mirati, o “intelligenti”, perché eseguiti con la giusta frequenza e indirizzati alle situazioni più significative nell’ambito del processo di sorveglianza attiva. (PadovaOggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti