Careggi, la fuga dei medici del pronto soccorso: "Lavoro massacrante e stipendi bassi, ce ne andiamo"

Careggi, la fuga dei medici del pronto soccorso: Lavoro massacrante e stipendi bassi, ce ne andiamo
FirenzeToday INTERNO

Motivo: "Carichi di lavoro insostenibili". Il lavoro è massacrante, lo stipendio non ritenuto adeguato e quindi è meglio andare a fare i medici di base.

Lasciano 6 esperti camici bianchi di medicina urgenza su 31: tre tornano all'università e tre vanno a fare i medici di base.

Questa la decisione di sei medici dell’ospedale di Careggi che si sono licenziati dal pronto soccorso a causa, sostengono, di carichi di lavoro ormai insostenibili. (FirenzeToday)

Su altre fonti

Approcciare un paziente che arriva in pronto soccorso significa occuparsi trasversalmente di una serie di temi clinici abitualmente di pertinenza di molte altre specializzazioni medico-chirurgiche, ma che vengono specificatamente declinate nell’ambito dell’intervento su eventi acuti Medici in prima linea, professionisti già affermati con quindici anni di carriera alle spalle. (LA NAZIONE)

«La carenza di personale supera il 25% della pianta organica – spiega Simone Magazzini, direttore del dipartimento Emergenza-urgenza e area critica dell’Asl Toscana centro – L’esodo dai pronto soccorso degli ospedali dell’azienda sanitaria numericamente è anche maggiore. (LA NAZIONE)

Crisi dei Pronto Soccorso. Anaao presenta 10 proposte alla Regione

Inoltre, si chiede di accelerare i tempi di espletamento dei concorsi pubblici per titoli ed esami, per la copertura di posti di dirigente medico a tempo indeterminato e valutare la possibilità di finanziare borse di studio relative alla specializzazione in Medicina d'urgenza-emergenza riservate a personale a tempo determinato in servizio da almeno un anno presso i pronto soccorso. (AltamuraLife)

Crisi dei Pronto Soccorso. Ma “i problemi dei Pronto Soccorso, che erano già gravi prima del Covid, sono ora peggiorati. (Quotidiano Sanità)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr