Manifestazioni a Beirut, morti e feriti

RSI.ch Informazione ESTERI

Il susseguirsi degli eventi che hanno portato alla morte e al ferimento di diverse persone non è tuttavia stato ancora chiarito.

Il primo ministro Nagib Mikati ha da parte sua lanciato un appello per il ritorno alla calma, denunciando i tentativi di far precipitare il Libano in una nuova spirale di violenza.

Sei persone sono morte e una trentina sono rimaste ferite oggi, giovedì, a Beirut in una manifestazione organizzata dai partiti sciiti Hezbollah e Amal contro i giudici che stanno portando avanti l’inchiesta sulla maxi esplosione avvenuta al porto della capitale libanese. (RSI.ch Informazione)

Se ne è parlato anche su altre testate

La Banca Mondiale ha definito la crisi finanziaria del Libano una delle peggiori degli ultimi due secoli Hezbollah e Amal, da giorni quindi hanno avviato una campagna contro il procuratore, per bloccare la sua inchiesta e sostituirlo. (TGNEWS24)

Israele, di certo, vigila e non permetterà, meglio non vorrebbe né potrebbe permettere la vittoria finale di hezbollah e amal È stato stimato che circa 300 mila cittadini (i due terzi della popolazione della capitale libanese ) cittadini siano rimasti senza casa. (Italia Oggi)

Ma Tehran non ha i soldi per fare altro e il Libano muore di fame. Inoltre Hezbollah non apprezza che Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale salvino il Libano su richiesta di un esecutivo che deve negoziare con loro. (articolo21)

Supporters of the Shiite Amal group fire weapons in the air during the funeral processions of Hassan Jamil Nehmeh, who was killed during yesterday clashes, in the southern Beirut suburb of Dahiyeh, Lebanon, Friday, Oct Schools, banks and government offices across Lebanon shut down Friday after hours of gun battles between heavily armed militias killed six people and terrorized the residents of Beirut. (Domani)

Advertisement. “Siamo impauriti da ciò che può succedere”. Il racconto da Beirut del nostro collaboratore. Fadi, collaboratore di Pro Terra Sancta a Beirut, racconta gli scontri che hanno interessato ieri la capitale libanese. (politicamentecorretto.com)

Il mese scorso il gruppo militante terroristico di Hezbollah ha portato carburante iraniano nel paese per alleviare la carenza. Da circa una settimana il Libano è rimasto senza elettricità e questo lascia il Paese dei Cedri al buio e preda di una grave crisi economica. (ResegoneOnline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr