Frecciarossa deragliato, indagato anche l'amministatore delegato di Alstom

Frecciarossa deragliato, indagato anche l'amministatore delegato di Alstom
IlPiacenza IlPiacenza (Interno)

C'è un nuovo indagato per il Frecciarossa deragliato vicino a Lodi nelle prime ore del mattino di giovedì 6 febbraio.

La conferma della difettosità del componente è stata data alla Camera dei Deputati, in audizione alla commissione lavori pubblici, da Marco D'Onofrio, direttore dell'Agenzia nazionale sicurezza ferrovie, spiegando d'averne avuto informazione dalla procura lodigiana la sera precedente.

Su altri giornali

Al via domenica 16 febbraio a Ospedaletto Lodigiano, in provincia di Lodi, le operazioni di rimozione delle carrozze del treno Frecciarossa deragliato il 6 febbraio. «Ora inizia il lavoro più importante e complesso per il ripristino della linee ad Alta velocità e Rfi metterà in campo decine e decine di persone», aveva spiegato nei giorni scorsi il prefetto Marcello Cardona (foto di Laura Gozzini) (Corriere della Sera)

Forse è stata scoperta la causa dell’incidente ferroviario accaduto a Lodi il 6 febbraio scorso, quando il treno ad alta velocità Frecciarossa 9595 è deragliato provocando la morte dei due macchinisti ed il ferimento di 30 passeggeri. (La Legge per Tutti)

La società avrebbe prodotto una parte dell'attuatore dello scambio incriminato di aver causato l'incidente, sul quale i consulenti della procura hanno evidenziato un'anomalia elettrica. Si tratta dell'amministratore delegato di Alstom Ferroviaria Michele Viale che risulta indagato dalla procura di Lodi (Sky Tg24 )

recuperali. Registrati. Accedi tramite il tuo account social network: Entra con google Procedendo dichiari di accettare i Termini e Condizioni e la Privacy Policy de il manifesto Accedi tramite la tua email: Per favore, correggere i seguenti errori di input: dummy Email * Password * Ricordami Entra Non ricordi la tua login e/o la password? (Il Manifesto)

Sul posto arriveranno i mezzi pesanti già parcheggiati in zona, alcuni dei quali passeranno sui ponti sopra l'autostrada e sopra la ferrovia. Intanto sono circa dieci gli attuatori sequestrati in tutta Italia, che fanno parte dello stesso meccanismo che azionava lo scambio 05 sulla Milano-Bologna e su cui sono in corso ulteriori indagini. (L'Unione Sarda.it)

Il pezzo era stato montato sui binari dell’Alta velocità proprio la notte prima dell’incidente che è costato la vita a due macchinisti. L’attuatore (una componente dello scambio stesso) era stato sostituito la sera precedente. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti