Intesa Sanpaolo: 31 marzo ultima seduta per evitare ulteriori ribassi in aprile

Proiezioni di Borsa Proiezioni di Borsa (Economia)

Intesa Sanpaolo (MIL:ISP) ha chiuso la seduta del 30 marzo in ribasso del 6,12% rispetto alla seduta precedente.

Intesa Sanpaolo: quali sono i livelli da recuperare per evitare ulteriori ribassi in aprile?

Per alcuni analisti, però, non si tratta di un semplice rinvio, ma piuttosto di una cancellazione vera e propria del dividendo.

Se ne è parlato anche su altri giornali

A tale proposito, è stato raggiunto un accordo con la Federazione toscana delle Banche di Credito cooperativo che prevede la creazione di un plafond da 100 milioni di euro destinati alle piccole e mede imprese. (LuccaInDiretta)

Il Consigliere Delegato e ceo di Intesa Sanpaolo destinerà un milione di euro del bonus riconosciutogli dal sistema incentivante 2019 a donazioni a sostegno di specifiche iniziative sanitarie e che i 21 top manager a suo diretto riporto destineranno ad analoghe donazioni complessivamente circa 5 milioni di euro dei rispettivi bonus riconosciuti dal sistema incentivante 2019. (Finanzaonline.com)

In questa fase di eccezionale emergenza Intesa Sanpaolo non ha esitato a ribadire il ruolo che svolge a sostegno dell’economia e della società. Carlo Messina, consigliere delegato di Intesa SanPaolo ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione:. (TargatoCn.it)

Se ne riparlerà in autunno quando è stata convocata per il 1 ottobre una nuova assemblea dei soci. Se applicassimo le recenti modifiche sui vincoli di capitale approvate dalla Bce, l’eccesso di capitale aumenterebbe a circa 19 miliardi di euro». (Corriere Delle Alpi)

Il ceo di Intesa Sanpaolo fa capire che la sospensione del dividendo, decisa in seguito alle raccomandazioni inviate dalla Bce a tutte le banche europee, è un qualcosa di momentaneo. (Finanzaonline.com)

Tiene in positivo invece UBI (+1,25%) con intesa che ha confermato la ferma volontà di portare avanti l’OPS sulla banca bergamasca. Intesa Sanpaolo, prendendo atto della comunicazione della Banca Centrale Europea del 27 marzo scorso in merito alla politica dei dividendi nel contesto conseguente all’epidemia da COVID-19, ha deciso di sospendere la proposta di distribuzione cash agli azionisti di circa 3,4 miliardi di euro, pari 19,2 centesimi di euro per azione, all’ordine del giorno dell’Assemblea ordinaria convocata per il 27 aprile 2020, e ha deliberato di proporre alla prossima Assemblea ordinaria l’assegnazione a riserve dell’utile dell’esercizio 2019. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti chiusi.