Wall Street paga ancora lotta Fed contro inflazione

Wall Street paga ancora lotta Fed contro inflazione
Borse.it ECONOMIA

Wall Street paga ancora lotta Fed contro inflazione. Tassi Usa: ecco di quanto saranno alzati ancora. I tagli si allontano Wall Street in ribasso, all’indomani dell’ennesimo maxi rialzo dei tassi da parte della Fed di Jerome Powell, pari a +75 punti base per la terza volta consecutiva. Obiettivo confermato ieri da Powell: andare avanti nel percorso delle strette monetarie, al fine di riportare l’inflazione Usa al target del 2% (viaggia ora al ritmo superiore all’8%, in base a quanto emerge dall’indice dei prezzi al consumo). (Borse.it)

Su altre testate

Reuters Fed aggressiva: dalle parole ai fatti. Come affrontare i rialzi dei tassi secondo Fidelity Anna Stupnytska, Global Macro Economist di Fidelity International, analizza le ultime mosse di politica monetaria della Federal Reserve e illustra le scelte nell’asset allocation (Investing.com Italia)

La notizia principale è stata la revisione al rialzo del dot plot. La mediana per il 2022 è stata aumentata di 100 punti base al 4,375%, il che implica un rialzo cumulativo di 125 punti base nelle due riunioni rimanenti di quest'anno, ovvero un ritmo di rialzo dei tassi sempre più veloce fino alla fine dell'anno. (Investing.com Italia)

L’intensità del rialzo era stata ampiamente prevista dal consensus ma al contrario le proiezioni economiche e il grafico dot-plot hanno sorpreso le attese del mercato mostrando un ulteriore incremento dei tassi (come minimo al 4,25% a fine 2022 mentre il valore mediano dei tassi è al 4,4%) e nessun taglio fino alla fine del 2023. (IG Italia)

BlueBay, la Fed ha bisogno di notizie migliori sull’inflazione

(Reuters) - Goldman Sachs (NYSE: ) ha tagliato il suo target di fine anno per l'indice di riferimento di circa il 16%, portandolo a 3.600 punti, dato che la Federal Reserve non dà segni di voler fare un passo indietro rispetto alla politica aggressiva di rialzo dei tassi. (Investing.com Italia)

Fattore tassi Fed e incertezza sui mercati: gli economisti di Goldman Sachs rivedono al ribasso le stime sull’indice S&P 500: il target del listino benchmark della borsa Usa è pari ora a 3.600 dai 4.300 precedentemente previsti. (Borse.it)

Sotto molti aspetti, Powell ha detto poco in questa settimana che non abbia già detto in precedenza. I rendimenti globali hanno continuato a salire durante la scorsa settimana, sulla scia dell’aumento dei tassi della Federal Reserve (Fed) di 75 punti base. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr