Cosa non torna nel caso di Massimo Adriatici e perché l’assessore rischia l’accusa di omicidio volontario

Cosa non torna nel caso di Massimo Adriatici e perché l’assessore rischia l’accusa di omicidio volontario
Open INTERNO

In un’intervista rilasciata alla Provincia Pavese, parlando della legittima difesa, Adriatici diceva che l’uso di un’arma doveva essere «l’extrema ratio»

Il che supporterebbe l’accusa di omicidio volontario, che è stata esclusa in un secondo momento ieri dalla procura.

Cosa sappiamo dell’assessore di Voghera Massimo Adriatici. Secondo alcune fonti investigative vicine alle indagini citate oggi dal Fatto Quotidiano ci sono alcune ipotesi da confermare prima di poter tirare le somme e in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto davanti al giudice delle indagini preliminari. (Open)

Ne parlano anche altre fonti

Video da Il Fatto Quotidiano) Massimo Adriatici, i cittadini lo descrivono come uno sceriffo. “Era una persona problematica, ma non è che era un aggressore. (neXt Quotidiano)

ouns El Boussetai, il 39enne marocchino ucciso con un colpo di pistola dall'Assessore alla Sicurezza Massimo Adriatici sarebbe stato sottoposto a un Tso (trattamento sanitario obbligatorio) tre settimane fa. (Yahoo Finanza)

L’assessore viene portato nella caserma dei carabinieri della città, dove alla presenza dell’avvocato, Adriatici rilascia dichiarazioni e risponde puntualmente alle domande del magistrato, il sostituto procuratore Roberto Valli In piazza Meardi intervengono i carabinieri, sia della Compagnia di Voghera che del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Pavia. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Youns El Bossettaoui, la sorella dell'uomo ucciso da Massimo Adriatici: "Lui è morto, e l'altro è a casa"

Il luogo dove il 39enne è stato ucciso (Photo: Ansa). Youns El Boussetai, il 39enne marocchino ucciso con un colpo di pistola dall’Assessore alla Sicurezza Massimo Adriatici sarebbe stato sottoposto a un Tso (trattamento sanitario obbligatorio) tre settimane fa. (Yahoo Finanza)

Possiamo permetterci che il nostro ordine pubblico sia anche in mano a chi non è istruito come gli agenti? Se non vogliamo ritrovarci, e degenerare, come in Usa (vedi le due foto dell’articolo che mostrano due aeroporti di quel Paese) crediamo sia il caso di valutare con attenzione l’abolizione del porto d’armi (Vicenza Più)

“Mio fratello è morto e lui è a casa”, dice la sorella della vittima. Massimo Adriatici si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di aver ucciso Youns El Bossettaoui, 39 anni di origini marocchine. (Blitz quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr