Kamala Harris, problemi tecnici all'aereo: paura per la vicepresidente Usa

Kamala Harris, problemi tecnici all'aereo: paura per la vicepresidente Usa
Per saperne di più:
leggo.it ESTERI

Kamala Harris, paura per la vicepresidente degli Stati Uniti.

Nonostante i problemi di natura tecnica, l'Air Force Two è atterrato normalmente e Kamala Harris, una volta scesa dall'aereo, ha rivolto un pollice alzato ai cronisti: «Tutto ok, sto bene»

Leggi anche > Harry e Meghan genitori bis: è nata Lilibet Diana, il nome in omaggio alla regina Elisabetta e a Lady D. Kamala Harris era partita dalla Joint Base di Andrews a bordo dell'Air Force Two, l'aereo adibito al trasporto dei vicepresidenti degli Stati Uniti. (leggo.it)

La notizia riportata su altri media

Aereo in panne per Kamala Harris, l'incidente simbolo della "mission impossible" sui migranti di Alberto Flores D'Arcais. Kamala Harris accolta dal ministro degli Esteri del Guatemala Pedro Brolo (afp). (la Repubblica)

La gestione dei flussi migratori è un terreno politico scivoloso, per l’Ue come per gli Stati Uniti. Non venite”, ha detto Harris aggiungendo che “ci sono strade per un’immigrazione legale e sono queste che vanno percorse” (Il Fatto Quotidiano)

Inizialmente, sei milioni di dosi dovrebbero essere fornite tramite il meccanismo Covax e altre sei milioni di dosi verranno consegnate direttamente dagli USA Sul tavolo anche i vaccini anti-Covid Le discussioni dovrebbero vertere anche sulle di dosi di vaccino anti-covid promesse dagli Stati Uniti all’America latina. (RSI.ch Informazione)

Problemi tecnici per Air Force Two con a bordo vicepresidente Harris: costretto a tornare indietro

Nonostante i problemi di natura tecnica, l’Air Force Two è atterrato normalmente e Kamala Harris, una volta scesa dall’aereo, ha rivolto un pollice alzato ai cronisti: «Tutto ok, sto bene». Kamala Harris e il discorso alle “ragazze ambiziose” e non solo. (Ck12 Giornale)

Non è facile la prima missione all'estero di Kamala Harris. Adesso l'incontro è avvenuto di persona ma il problema rimane visto che sono ancora 16.000 i minori ospitati nei precari rifugi di confine Usa (ilGiornale.it)

"Sto bene, Abbiamo detto tutti una piccola preghiera, ma stiamo bene", ha dichiarato Harris nel momento della ripartenza a bordo di un altro aeromobile. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr