CINA: dopo il crac Evergrande cosa succederà? - IntermarketAndMore

Finanza.com ECONOMIA

Quindi prima o poi qualcosa doveva succedere.

Dopo Evergrande, cambierà l’atteggiamento anche del settore bancario che si mostrerà molto più cauto nel concedere credito, non solo per il settore immobiliare ma in generale

Intanto però l’alert è evidente per l’intero settore immobiliare, che è stato uno dei pilastri della crescita esponenziale della Cina e rappresenta almeno un quinto del PIL cinese. (Finanza.com)

Ne parlano anche altri media

L'istituto centrale aveva effettuato iniezioni a breve per 100 miliardi di yuan sia venerdì sia sabato. Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2021 - 13:22. Contenuto esterno. . . Altri sviluppi Altri sviluppi La Svizzera sempre capolista in materia di innovazione Questo contenuto è stato pubblicato il 20 set 2021 Da ormai dieci anni, la Confederazione è il Paese più innovativo al mondo, stando alla graduatoria pubblicata dall'OMPI (tvsvizzera.it)

Evergrande tenta la mossa anti default: pagherà 35,9 milioni di dollari. Intanto, Xu Jiayin, presidente del gigante immobiliare cinese Evergrande, ha detto: “Usciremo presto dai nostri giorni più bui”. (Il Sussidiario.net)

Alla fine, pertanto, continuazione del trading range 1,16/1,20 fino a fine anno • I fattori di rischio esistenti (tetto sul debito, possibile aumento delle tasse nell’ambito del piano di 3500Mld$ ed infine anche i rischi derivanti dal caso Evergrande) potrebbero però portare Powell a non indicare una data precisa per la partenza del tapering. (Startmag Web magazine)

Tuttavia negli ultimi decenni l’economia del dragone ha spinto il settore immobiliare assicurando una “bolla speculativa garantita”, ovvero dando alle grandi società la possibilità di un indebitamento sostanzialmente illimitato coperto dal sistema bancario controllato dallo Stato. (Radio Onda d'Urto)

Le riforme sul tavolo del governo: dal Catasto, al fisco e alle misure antidelocalizzazione. Faro sulla Fed. La banca centrale è attesa oggi alla prova dei mercati con i suoi annunci di politica monetaria. (Radio 24)

Tokyo arretra dello 0,67% finale mentre Shanghai riesce a salire dello 0,4% e Hong Kong resta chiusa per feste. Dal gruppo immobiliare cinese sono arrivate indicazioni contrastanti che hanno parzialmente consentito ai listini cinesi - che riaprivano oggi dopo un periodo di vacanza - di limitare i danni. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr