Massimo Moratti dona stipendio da 1,5 mln a dipendenti/ 'Vi ringrazio per sacrifici'

Il Sussidiario.net ECONOMIA

Massimo Moratti ha donato tutto il suo stipendio annuale – circa un milione e mezzo di euro – ai dipendenti dell’azienda di famiglia, la raffineria Saras.

Massimo Moratti: “Figc?

MASSIMO MORATTI/ Gli ultimi attacchi alla Juventus (Che tempo che fa). MASSIMO MORATTI DONA STIPENDIO A DIPENDENTI: I SINDACATI APPREZZANO. Il gesto di Massimo Moratti, che ha donato ai suoi dipendenti il suo stipendio annuale, è stato apprezzato dai sindacati. (Il Sussidiario.net)

Su altri giornali

L’attuale presidente della Saras infatti, dopo che l’azienda petrolifera ha dovuto chiedere la cassa integrazione per via della crisi Covid, per non mettere in difficoltà i suoi dipendenti ha deciso di intervenire mettendo mano alle sue tasche. (corriereadriatico.it)

Moratti, donato lo stipendio ai suoi operai: i precedenti. Massimo Moratti non è nuovo a gesti di solidarietà (Virgilio Notizie)

Il presidente della Saras, Massimo Moratti, ha deciso di destinare il suo compenso annuo, pari a 1,5 milioni di euro, ai lavoratori della raffineria di Sarroch (Cagliari), ora in cassa integrazione a causa della pandemia. (La Stampa)

Non ho mai visto un’iniziativa simile in alcuna realtà imprenditoriali in Sardegna", ha detto Stefano Fais, Rsu aziendale della Cgil "La famiglia Moratti ancora una volta dimostra di stare vicino ai suoi dipendenti. (Fcinternews.it)

“Vi ringrazio per i sacrifici che state facendo che, certamente, sono di grande aiuto per il superamento di un periodo difficile. Motivo per cui anche la Saras è stata costretta a ricorrere all’avvio della cassa integrazione di due giorni al mese per i dipendenti (L'HuffPost)

Per compensare la riduzione degli stipendi, l’ex presidente dell’Inter verserà loro 1 milione e 500 mila euro, il suo emolumento annuale. Angelo Moratti la fondò il 24 maggio 1962, suo figlio Massimo ne è diventato il presidente il 3 maggio 2018, dopo la scomparsa del fratello Gian Marco. (Tuttosport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr