Raffaella Carrà, Greco rompe il silenzio: “Perché sono il suo figlioccio”

Raffaella Carrà, Greco rompe il silenzio: “Perché sono il suo figlioccio”
Gossip e TV CULTURA E SPETTACOLO

“Non ho mai chiesto niente” in quei giorni perché “mi sembrava già un sogno così”.

In molti si sono sorpresi nel vedere Alessandro Greco ai funerali di Raffaella Carrà, a cui hanno partecipato pochi invitati, scelti accuratamente tra la cerchia delle persone che hanno avuto un ruolo fondamentale nella vita della Regina della tv italiana.

Da allora lei e Greco non smisero di supportarsi: fu così che nacque una florida e apprezzabile amicizia

“Lei usava il termine figlioccio per riferirsi a me”, racconta Alessandro che ha sempre ricambiato la gentilezza, definendo la Carrà e Sergio Japino i suoi genitori televisivi. (Gossip e TV)

Ne parlano anche altri giornali

Che sorpresa e su questo il giornalista ha aggiunto:. “Un bel regalo per tutti i fan del programma e gli innamorati di Raffa.”. Raffaella Carrà, le reazioni del web alle repliche di Carramba! Raffaella Carrà e le reazioni del web alle repliche di Carramba che sorpresa: “Entusiasmo” dice De Andreis. (Lanostratv)

Carramba che sorpresa è divenuto un cult della televisione italiana, merito anche dei carramba boys. Carramba che sorpresa, che fine hanno fatto i carramba boys? (Funweek)

Tra queste, è andata in onda una replica del 1996 dove Raffaella aveva invitato in trasmissione Roberto Mancini, allora numero 10 della Sampdoria (Funweek)

Raffaella Carrà: votato un ordine del giorno per dedicarle un luogo della città

È per questo che la rete ha deciso di trasmettere in suo ricordo alcune puntate di Carramba che Sorpresa, per ricordare parte del grande lavoro artistico di Raffaella Carrà. Foto: Kikapress Music: "Summer" from Bensound. (Il Messaggero)

LEGGI ANCHE –> Raffaella Carrà, il figlioccio rompe il silenzio: ‘Piangevo, non riuscivo a guardarla in viso’. LEGGI ANCHE –> Raffaella Carrà, il devastante ricordo di Arbore: le intime confidenze sulla conduttrice. (DonnaPress)

"Un'artista che ha scelto la strada dell'ironia e il registro pop per scardinare gli stereotipi sul femminile, sulla sessualità e sulle libertà individuali e che di quelle stesse libertà è divenuta icona nel mondo e paladina dei diritti civili". (BolognaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr