Razzismo: duro attacco di Romelu Lukaku contro i social media

Razzismo: duro attacco di Romelu Lukaku contro i social media
Virgilio Sport SPORT

“Credo che, in questo momento, il razzismo nel calcio sia al massimo storico – ha detto Lukaku -.

Vedo molte campagne e tutto il resto, ma fino a quando non viene intrapresa una vera azione non cambierà nulla.

Ma perché non metti la stessa energia anche quando si tratta di razzismo?”

L’ex juventino Claudio Marchisio, pochi giorni fa, aveva avuto un durissimo sfogo sulla questione del razzismo in Italia, e, da un’altra ottica, è tornato a parlarne l’attaccante dell’Inter Romelu Lukaku in un’intervista alla CNN. (Virgilio Sport)

Ne parlano anche altre fonti

Penso che quando è successo, qualcosa è cambiato. In Italia, quando è successo a me direttamente, si è fatto qualcosa perché la Serie A ha parlato con e la mia squadra». (Calcio News 24)

“Ad essere onesti non vedo davvero progressi”, ha insistito Big Rom, “vedo tante campagne e cose simili, ma finche’ non si prendono provvedimenti…”. Anche a causa dei social”, e’ la sua analisi, “capisco perche’ persone come Thierry Henry stanno bloccando i loro profili”. (Calcio e Finanza)

Ma perché non si mette la stessa energia anche quando si tratta di razzismo? L'Italia è un bellissimo Paese e sono stato accettato bene da tutti, dai nostri e dagli altri tifosi. (Sport Fanpage)

Razzismo e Superlega, Lukaku alza la voce: "Mai una vera azione social"

Senza nascondere la delusione per l'addio di Conte, il bomber ha detto nei giorni scorsi di avere parlato con Inzaghi e di volere restare a Milano per vincere ancora. Per poi ritornare in nerazzurro agli ordini del nuovo tecnico Inzaghi. (fcinter1908)

"Entro la fine del mercato servirà accumulare una plusvalenza importante" ha dichiarato Steven Zhang nella sua ultima intervista e proprio da qui si muove la prima tessera del mosaico che riguarda l'attacco. (Calciomercato.com)

Lukaku sul confronto fra Superlega e razzismo. "Quando si è cominciato a parlare di Superlega, le persone si sono premurate a criticarla sui social media, la gente e i tifosi sono scesi in strada. (Fantacalcio ®)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr