Rai, Bonetti: Assenza donne? Confido in cambio di passo su prossime nomine

Rai, Bonetti: Assenza donne? Confido in cambio di passo su prossime nomine
LaPresse CULTURA E SPETTACOLO

Roma, 10 set.

Lo ha detto a LaPresse la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, rispondendo in merito alle nomine in Rai dell’ad Carlo Fuortes

Confido che con le prossime si segni il cambio di passo di cui abbiamo bisogno per raggiungere la parità di genere.

(LaPresse) – “Le prime nomine Rai sono tutte al maschile.

(LaPresse)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Nel primo Consiglio di amministrazione della Rai Radiotelevisione SPA dopo le vacanze andato in scena nella giornata di ieri, sono arrivate le prime decisioni del nuovo Amministratore Delegato della televisione pubblica Carlo Fuortes e con queste le prime nomine. (Tvblog)

Al ritorno dalle vacanze, nella prima riunione del cda, l’ad Carlo Fuortes manda un nuovo, forte, segnale della direzione che intende prendere. “7 uomini per 7 nomine: non un grande inizio per i nuovi vertici della RAI sul piano dell’equità di genere di cui tanto si parla. (Primaonline)

Giuseppe Pasciucco, già Cfo, è nominato Direttore Staff dell’amministratore delegato; di conseguenza, Marco Brancadoro assume il ruolo di Cfo e Giorgio Russo quello di Direttore Pianificazione strategica e controllo di gestione. (Informa)

Rai, il nuovo corso prende forma: polemiche sulle differenze di gestione

La Commissione Pari Opportunità della Rai e la Commissione Pari Opportunità dell’Usigrai chiedono conferma della valutazione di almeno un curriculum femminile per ciascuno dei ruoli presi in considerazione come previsto dalla policy di genere aziendale Un segnale retrogrado e in decisa controtendenza rispetto alle politiche in essere nei maggiori broadcaster di servizio pubblico europei». (La Sentinella del Canavese)

L'amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, ha comunicato i nomi dei neo direttori dell'area corporate dell'azienda e sono tutti maschi. «Un'oggettiva, incomprensibile, ingiustificabile rimozione delle tante e qualificate competenze femminili che anche a livello dirigenziale il servizio pubblico può vantare» tuona la capogruppo Pd in commissione di Vigilanza Rai, Valeria Fedeli. (La Stampa)

I sette uomini d'oro sono appena stati nominati, il nuovo corso della Rai prende forma e già iniziano le prime polemiche sulle evidenti differenze di gestione. (La Sentinella del Canavese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr