IHS Markit PMI Manifatturiero Eurozona: a luglio la crescita corre ma perde slancio

Business Community ECONOMIA

A luglio, la combinazione tra la carente disponibilità di beni e gli ordini in continua crescita ha costretto le imprese ad attingere alle loro scorte

Le aziende hanno risposto assumendo personale aggiuntivo ad un tasso mai osservato in 24 anni di raccolta dati.

Il maggiore volume della produzione è stato sostenuto dal miglioramento continuativo della domanda di beni provenienti dall’area euro.

Allo stesso tempo, le esportazioni, incluso il traffico intra-eurozona, sono aumentate ad un tasso elevato ma anche il più debole in cinque mesi. (Business Community)

Se ne è parlato anche su altre testate

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 02 ago - La crescita della produzione industriale giapponese si e' consolidata a luglio a causa di una maggiore espansione della produzione e dei nuovi ordini spinti della ripresa dell'economia globale colpita dalla pandemia di coronavirus. (Borsa Italiana)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Preoccupano i problemi della fornitura e l’inflazione. Il rallentamento dello slancio nella produzione è da attribuire alle interruzioni sulla catena di distribuzione. Continua la ripresa del settore manifatturiero italiano, anche se a ritmi più contenuti rispetto a quelli registrati nei mesi scorsi. (Innovation Post)

'Il leggero raffreddamento della crescita del settore manifatturiero dell'Eurozona di luglio dopo l'espansione da record del secondo trimestre non dovrebbe preoccupare troppo", spiega Markit. "L'indagine di luglio pero' ha inoltre evidenziato ulteriori segnali che i manifatturieri e i loro fornitori stanno avendo difficolta' ad aumentare la loro produzione abbastanza velocemente da poter soddisfare la domanda, spingendo quindi i prezzi ancora piu' in alto", conclude la nota. (Borsa Italiana)

In Italia l'indice Pmi manifatturiero è calato a luglio a 60,3 punti da 62,2 di giugno, lievemente inferiore alle attese In Germania l'indice Pmi manifatturiero sale a 65,9 (da 65,6 di giugno), mentre in Francia cala leggermente a 58, da 58,1 di giugno e in Spagna scende a 59 (da 60,4 di giugno). (RagusaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr