Renault potrebbe scomparire

AGI - Agenzia Italia AGI - Agenzia Italia (Economia)

Renault potrebbe addirittura scomparire se non riesce a riadattarsi dopo la crisi del coronavirus.

Secondo il quotidiano economico Les Echos la direzione Renault potrebbe decidere di procedere ad una profonda trasformazione di Flins, ancora tutta de definire, accogliendo presumibilmente l'attività della fabbrica di Choisy-le-Roi - 263 dipendenti - specializzata in ricondizionamento di parti meccaniche.

Se ne è parlato anche su altri giornali

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Ue, Francia e Germania definiscono un piano da 500 miliardi: i dettagli. POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, Francia: piano da 18 miliardi per salvare il turismo (Inews24)

Auto, «Renault potrebbe scomparire». L’alleata Nissan si prepara a tagliare 20mila posti. 2' di lettura. La crisi dell’auto innescata dalla pandemia colpisce duro l’Alleanza Renault Nissan. (Il Sole 24 ORE)

economia. La casa automobilistica francese prevede di chiudere quattro siti in Francia nell'ambito di un piano di risparmio da 2 miliardi di euro che sarà presentato il 29 maggio. di Redazione Online. Dichiarazione choc, stamani in Francia dal ministro delle Finanze: Bruno Le Maire alla radio Europa 1, ha infatti detto testualmente: Renault potrebbe pure scomparire. (TG La7)

E non si puo' ignorare l'epopea del turbocompressore, gia' apparso qua e la' su qualche modello; fu Renault però a lanciarlo su una piccola auto, la R5, nel 1980, mentre nel 1977 aveva rivoluzionato il mondo delle corse montandolo per prima su un'auto di Formula 1 (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

I prossimi giorni saranno quindi crucciali per il marchio francese anche se solo con la presentazione del piano industriale si potrà finalmente avere un quadro più chiaro della reale situazione. (HDmotori)

In un’altra intervista, a Le Figaro, Le Maire ha detto invece che lo storico costruttore francese, di cui lo Stato detiene una quota del 15%, si «gioca la sua sopravvivenza». Il piano potrebbe includere la chiusura di tre fabbriche di taglia media in Francia, come anche la conversione dell’emblematico sito industriale di Flins, nel dipartimento delle Yvelines, nell’hinterland di Parigi (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr