Covid, 39 contagi nel Bresciano in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

BresciaToday ECONOMIA

Il rapporto tra casi testati e contagi è dello 0,7%, in lieve calo rispetto al dato di lunedì.

Questi i nuovi casi Comune per Comune:

In Lombardia, martedì 21 settembre i nuovi positivi rilevati sono stati 472 a fronte di 61.172 tamponi effettuati.

La situazione nel Bresciano. Nella nostra provincia, i contagi martedì sono stati 39, l'incidenza settimanale è in diminuzione, ora a quota 34 casi ogni 100mila abitanti. (BresciaToday)

Ne parlano anche altre testate

I guariti sono 1.072 mentre si registrano altre 23 vittime che portano il totale dei decessi a 6.723. Sotto il tetto dei cinquecento, esattamente 492 i nuovi casi di Covid 19 registrati e riportato nelle ultime 24 ore nell’isola a fronte di 17.814 tamponi processati in Sicilia nel bollettino odierno del Ministero della Salute. (Risoluto)

Attualmente positivi: 109.513 (-3.001). Deceduti: 130.421 (+67). Dimessi/Guariti: 4.401.956 (+6.308). Ricoverati: 4.453 (-52) di cui in Terapia Intensiva: 516 (-7). Tamponi: 89.873.206 (+330.275). Totale casi: 4.641.890 (+3.377, +0,07%) La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. (Firenze Viola)

Le terze dosi. L’Hub è stato ed è tante cose, nel corso di questa pandemia. E adesso diventerà il riparo dei fragili per terze dosi che dovrebbero permetterci di scongiurare la cupezza che ci opprime. (Livesicilia.it)

La curva continua a scendere mentre si alza l’età media dei nuovi contagiati: nell’ultimo bollettino, presente un solo minore Ieri, infine, altri 12 casi accertati di positività al Covid nella Tuscia contro 18 guariti. (Il Messaggero)

Nel dettaglio, su 3.252 tamponi molecolari sono stati rilevati 28 nuovi contagi con una percentuale di positività dello 0,86% mentre dai 7.640 test rapidi antigenici processati sono emersi 8 casi (0,10%). (Il Messaggero Veneto)

(LaPresse) – Sono 67 i decessi legati al coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, lo stesso numero registrato ieri. Lo comunica il ministero della Salute (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr