In Campania due mega incendi di plastiche in un mese: continuiamo ad uccidere una terra martoriata

Fanpage.it INTERNO

E che siano spazzatura o plastiche industriali ormai poco importa.

A cura di Ciro Pellegrino. Ieri i fumi di un grosso incendio di materiale plastico stoccato ad Airola, provincia di Benevento, hanno ammorbato mezza Campania.

È sostenibile per un territorio già così provato come quello della Campania, incassare disastri del genere senza almeno porsi il problema?

Nemmeno un mese fa, a Teverola (Caserta) stesso rogo, stesso disastro. (Fanpage.it)

Su altri giornali

Il Comune di Airola ha attivato il Centro Operativo Comunale che continuerà a monitorare la situazione e a fornire ogni utile supporto alla popolazione A scopo precauzionale, nel corso dell’evento di ieri pomeriggio “è stato suggerito ai sindaci dei comuni viciniori di adottare ogni utile iniziativa per limitare la circolazione delle persone. (Ottopagine)

Sarà nostra cura informare la comunità di ogni eventuale nuova informazione che ci perverrà dagli organi competenti In concomitanza con l’incendio alcune stazioni, per le quali si dispone del dato orario, hanno fatto registrare per alcune ore un significativo aumento della concentrazione del particolato. (CasertaNews)

Si rimanda al precedente comunicato per un riepilogo delle attività svolte dall’Agenzia ambientale ieri, nelle ore immediatamente successive all’avvio dell’incendio (https://www.arpacampania.it/-/incendio-airola-bn-intervento-arpac-per-valutare-effetti-ambientali). (anteprima24.it)

L’auspicio è che l’azienda possa ripartire quanto prima, a pieno ritmo, con la produzione che assicura lavoro e sussistenza a tanti lavoratori e le loro famiglie ” (Fremondoweb)

In riferimento al territorio complessivo interessato dall’evento, il quadro meteorologico continua ad essere caratterizzato da una sostenuta ventilazione di grecale che favorisce la dispersione delle sostanze inquinanti. (Ottopagine)

Ciò permetterà di valutare lo stato della qualità dell’aria nel periodo successivo all’incendio. Si rimanda al sito dell’Agenzia per le precedenti comunicazioni sulle attività in corso (https://www.arpacampania. (l'eco di caserta)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr