Risolto il mistero alle Olimpiadi: ritrovato l’atleta scomparso che voleva restare in Giappone

Risolto il mistero alle Olimpiadi: ritrovato l’atleta scomparso che voleva restare in Giappone
Altri dettagli:
Sport Fanpage SPORT

La delegazione ugandese era stata tra le prime a dirigersi in Giappone già lo scorso 19 giugno

E' stato ritrovato a circa 200 chilometri di distanza, a Nagoya, intenzionato a non rientrare nel proprio Paese dove le condizioni di vita sarebbero pessime.

Il ragazzo, appena 21enne, face parte della delegazione ugandese di nove membri due dei quali erano risultati positivi ai primi controlli anti Covid-19. (Sport Fanpage)

Su altre fonti

Anche se il covid ha ritardato di un anno i Giochi non li ha sconfitti”. (LaPresse) – “Il rischio zero non esiste, ma voi avete fatto del vostro meglio. (LaPresse)

Ssekitoleko, un sollevatore di pesi che si trovava a Izumisano, nella prefettura di Osaka, è scomparso venerdì dopo aver lasciato un biglietto nel suo hotel dicendo che voleva lavorare in Giappone poiché la vita nel suo paese d'origine era difficile. (Adnkronos)

L’atleta ugandese scomparso dopo essere arrivato in Giappone per le Olimpiadi di Tokyo è stato trovato, secondo l’Asahi Shimbun, a Yokkaichi, nella prefettura di Mie, come riferisce la polizia della prefettura di Osaka. (Gazzetta di Parma)

Tokyo 2020. Ritrovato il sollevatore di pesi Julius Ssekitoleko, scomparso dalla stanza d'albergo

E anche se il Covid può aver posticipato i Giochi, non li ha sconfitti“. Lo ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, a proposito di Tokyo 2020 (LaPresse)

Sappiamo infatti che Julius Ssekitoleko faceva parte di una delegazione di nove membri, di cui pure erano risultati positivi al test per il covid19, ma il sollevatore di pesi in questione era risultato negativo al tampone. (Il Sussidiario.net)

Testimoni lo avevano notato nelle prime ore dell'alba di venerdì alla stazione della cittadina dove è salito su un treno per Nagoya. Ssekitoleko, medaglia di bronzo agli ultimi campionati africani di sollevamento pesi, aveva creato imbarazzo alle autorità ugandesi considerando la singolare fuga durante il ritiro della squadra di pesistica a Isumizano, vicino a Osaka. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr