Covid, l'Ema avvia procedura di valutazione per il vaccino Sanofi

Covid, l'Ema avvia procedura di valutazione per il vaccino Sanofi
La Repubblica INTERNO

L'Ema valuterà i dati non appena saranno disponibili per decidere se i benefici superano i rischi

La decisione del Chmp si basa sui risultati preliminari degli studi di laboratorio (dati non clinici) e dei primi studi clinici negli adulti, i quali suggeriscono che il vaccino sia in grado do innescare la produzione di anticorpi che colpiscono Sars-CoV-2, il virus che causa il Covid-19 e può aiutare a proteggere dalla malattia. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri giornali

La sperimentazione del vaccino non aveva dato inizialmente risultati soddisfacenti e l’iter del vaccino franco-britannico si era fermato. La rolling review, continua l’Ema, “continuerà finché non saranno disponibili evidenze sufficienti” per chiedere l’autorizzazione condizionata alla commercializzazione in Ue. (Il Giorno)

Milano, 20 lug. (LaPresse)

Vaccino franco/britannico Nuovo vaccino. La revisione continuerà fino a quando non saranno disponibili prove sufficienti per una domanda formale di autorizzazione all'immissione in commercio.Poi Ema valuterà la conformità di Vidprevtyn ai consueti standard Ue per efficacia, sicurezza e qualità. (Rai News)

Vaccino Sanofi (mRna), Ema avvia revisione continua. All'inizio la sperimentazione non era andata bene

Il vaccino anti-Covid «made in France» sembra funzionare, e l’Agenzia europea per il farmaco (Ema) ha deciso di avviare la procedura accelerata di valutazione di Vidprevtyn, il siero su cui sta lavorando Sanofi (La Stampa)

L'Ema, con il comitato per i medicinali per uso umano (Chmp), ha avviato una procedura di valutazione per Vidprevtyn, un vaccino contro il Covid-19 sviluppato da dal produttore farmaceutico francese Sanofi Pasteur e dalla britannica GlaxoSmithKline. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Ema, revisione su vaccino Sanofi. Ne dà notizia l'agenzia Ue, via social. Quando una persona riceve il vaccino, il suo sistema immunitario riconosce la proteina spike come estranea e crea anticorpi contro di essa. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr