Messina, operazione "Market Place" a Giostra: tutti i nomi degli arrestati. LE FOTO

Messina, operazione Market Place a Giostra: tutti i nomi degli arrestati. LE FOTO
Gazzetta del Sud - Edizione Messina INTERNO

arrestati in carcere. ARRIGO Paolo, nato a Messina il 08.03.1990. BONANNO Antonio, nato a Messina il 22.12.1982. BARBERA Gaetano, nato a Messina il 09/08/1970. ARRIGO Angelo, nato a Messina il 10.07.1988. STRACUZZI Vittorio, nato a Messina l'11.12.1986. ROSSANO Pasquale, detto "Lino" o "Pasqualino". ROSSANO Stello, nato a Messina il 27.08.1998. TALAMO Marco, nato a Messina il 02.11.1997. STRACUZZI Girolamo, nato a Messina il 28.06.1983. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Su altri media

Lo studio da parte degli esperti dell’Università di Messina e di quelli scelti da Palazzo Zanca sono arrivati quasi al termine. Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Una disponibilità avvalorata non solo dai ferimenti dai quali l’indagine ha tratto spunto, ma anche dalle conversazioni captate, dalle immagini raccolte e visionate A testimoniare l’imponenza dell’organizzazione criminale è la definizione data da un collaboratore di giustizia: “la Scampia di Messina”. (Lettera Emme)

All’interno di ciascun appartamento adibito a rivendita e gestito da uno dei componenti della banda che aveva messo a disposizione la sua abitazione, con la collaborazione del nucleo familiare, l’attività di spaccio veniva garantita giorno e notte. (Livesicilia.it)

Messina, le fedeli “soldatesse”: il ruolo delle donne nel mercato della droga a Giostra

Una volta rubate le auto venivano nascoste presso un uliveto nelle campagne di Bitonto e “bonificate”, cioè private di eventuali sistemi di allarme o di localizzazione. I carabinieri hanno documentato vari furti di autovetture, per un valore complessivo stimato in circa 200. (LaPresse)

Lo ha detto il Direttore Centrale dell’Anticrimine Francesco Messina, riferendosi all’operazione Market Place che ha portato all’arresto di 52 persone nella città dello Stretto (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Quanto al secondo gruppo, quello retto da Antonio Bonanno, ritenuta organica ad esso Veronica Vinci, «deputata a tenere la cassa dell’associazione e a riscuotere il provento dell’attività illecita» Stesso addebito rivolto ad Alessia Stracuzzi, Concetta Assenzio e Ramona Assenzio, il cui raggio d’azione avrebbe abbracciato la palazzina “B” dello stesso complesso. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr