Bonus tiroide 2022 fino a 550 euro: a chi spetta e come averlo

Bonus tiroide 2022 fino a 550 euro: a chi spetta e come averlo
Quotidiano di Ragusa SALUTE

Assegno mensile Tiroide Inps: quanto spetta?

Bonus tiroide: a chi spetta. L’assegno spetta a chi soffre di patologie alla tiroide come la presenza di carcinomi tiroidei, l’asportazione della ghiandola, il gozzo, ipotiroidismo con compenso neuropsichiatrico o ipoparatioidismo.

L’importo del contributo previsto per quest’anno, il 2022, va dai 291,60 ai 550 euro, in base all’invalidità certificata da una commissione medica dell’Inps. (Quotidiano di Ragusa)

La notizia riportata su altri media

Bonus Tiroide 2022 non esiste, ecco tutti i dettagli e le ultime novità. Spetta invece un assegno di 523,82€ – quindi circa 525€ – a coloro affetti da drepanocitosi o talassemia major, patologia quest’ultima che spesso è causa di disturbi alla tiroide (Miur Istruzione)

La percentuale d’invalidità riconosciuta è pari al 100% ;. : al contrario del caso precedente, la tiroide del soggetto produce ormoni in quantitativi eccessivi. La percentuale d’invalidità riconosciuta è pari al ; Ipoparatiroidismo: in questo caso le paratiroidi secernono quantità insufficienti di paratormone (Salutarmente)

L’inps proprio per questo motivo accredita da 290 a 525 euro mensili a pazienti con livelli anomali di ormoni tiroidei. Alcune patologie potrebbe infatti manifestarsi solo nel corso degli anni per cui conviene sottoporsi periodicamente ad indagini cliniche. (Quotidiano di Ragusa)

Bonus tiroide 2022: quali patologie riguarda e come funziona

L’assegno spetta a chi soffre di patologie alla tiroide come la presenza di carcinomi tiroidei, l’asportazione della ghiandola, il gozzo, ipotiroidismo con compenso neuropsichiatrico o ipoparatioidismo L’INPS eroga in favore di coloro che hanno una invalidità riconosciuta a causa della tiroide possono usufruire di un apposito bonus. (Consumatore.com)

Come fare richiesta di invalidità civile. Non si tratta dunque di un “bonus tiroide” ma del riconoscimento dell’invalidità civile per le conseguenze patologiche derivate dalle malattie alla ghiandola, quali la presenza di carcinomi, gozzo, ipertiroidismo, ipotiroidismo, ipoparatioidismo o la rimozione stessa della tiroide. (QuiFinanza)

– A chi soffre di patologie alla tiroide, l’Inps riconosce un’indennità sulla base dell’invalidità certificata da una commissione medica dell’Istituto di previdenza. DISTURBI PER POTER ACCEDERE AL BONUS. . (NewSicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr