L’ex non perdona: donna di 78 anni pugnalata ferocemente in casa di riposo a Bolzano

L’ex non perdona: donna di 78 anni pugnalata ferocemente in casa di riposo a Bolzano
Formatonews INTERNO

Subito dopo il brutale omicidio – spiega la Repubblica – l’87enne è stato bloccato dai presenti e infine arrestato dai Carabinieri

L’aggressore non era un folle qualunque: era l’ex compagno della vittima, un cittadino austriaco di 87 anni, Karl Engelmayr.

Aggressione feroce ai danni di una donna di 78 anni all’interno di una casa di riposo dell’Alto Adige.

Questa volta, invece, vittima di una brutale aggressione una signora di 78 anni, ospite di una casa di riposo in provincia di Bolzano (Formatonews)

Se ne è parlato anche su altre testate

Sul posto sono subito accorsi alcuni infermieri che hanno inutilmente tentato di salvare la vita della donna Secondo le prime informazioni, un visitatore avrebbe ucciso con una coltellata al cuore una donna di 78 anni, ospite della struttura. (ilmessaggero.it)

Fermato un uomo che era venuto a farle visita. Un omicidio è avvenuto nella Rsa Lorenzerhof a Lana, in Alto Adige. Il delitto si è consumato nel tardo pomeriggio di domenica 18 luglio, durante l'orario di vista nel giardino della casa di riposo. (TrentoToday)

Femminicidio in casa di riposo a Bolzano, visitatore entra con un coltello e uccide ospite La vittima dell’aggressione è Maria Waschler, una anziana donna di 78 anni residente e ospite della struttura per anziani di Lana, in provincia di Bolzano. (Fanpage.it)

Bell'Italia in viaggio - Marche e Alto Adige

Una donna è stata uccisa nel giardino di una Residenza per anziani a Lana, in alto Adige. Subito si sono precipitati sul posto alcuni infermieri, che non sono riusciti a salvare la vita alla donna (L'Unione Sarda.it)

Non è ancora chiaro quale sia stato il movente del femminicidio avvenuto ieri pomeriggio in una casa di riposo di Lana. ( L'ARTICOLO). Maria Waschgler di 78 anni è morta dopo essere stata accoltellata mentre si trovava seduta nel giardino della struttura che da qualche tempo la ospitava. (il Dolomiti)

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr