Sassuolo, donna anziana muore sbranata da due cani in un cortile privato: l'attacco davanti a una bimba

ilgazzettino.it INTERNO

È morta così una donna di 89 anni ieri sera a Sassuolo (Modena).

I due cani, si ipotizza, potrebbero aver assalito Carla Gorzanelli per istinto protettivo nei confronti della bambina.

L'attacco è avvenuto davanti a una bimba, che era davanti al cancello della villa in attesa della madre.

Nella villa di Sassuolo al lavoro anche la polizia scientifica e il medico legale

È entrata per errore, in stato confusionale, nel cortile privato di una villetta ed è stata sbranata da due cani di razza Amstaff. (ilgazzettino.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Il giorno prima dell’aggressione a Camasso, il 25 ottobre 2019, aveva perso la vita invece Avellino Corazza, 74enne di Brugnera (Pordenone), sbranato dai due Amstaff di proprietà della cognata. Ma a perdere la vita a volte sono gli stessi addestratori dei cani: come avvenuto il 20 novembre 2017 a un 26enne di Chivasso, Davide Lobue, sbranato dal bull terrier di un amico (LaPresse)

A quel punto pare che due cani di razza Amstaff avrebbero assalito l’anziana per istinto protettivo nei confronti della piccola. Una anziana muore per l’assalto di due cani di razza Amstaff. (ZON.it)

L'ultimo episodio di tanti: sono circa 70mila i casi di aggressione ogni anno, stando a un rapporto Codacons del 2017. Segui LaZampa.it su Facebook (clicca qui), Twitter (clicca qui) e Instagram (clicca qui). (La Stampa)

di Redazione, #Sassuolo. Un donna di 89 anni entrata per sbaglio, forse per stato confusionale, nel cortile sbagliato dal cancello sbagliato è stata sbranata da due cani Amstaff, davanti ad una bambina. (Sassuolonotizie.it)

L'Amstaff è un cane pericoloso? Per i più scettici, abbiamo raccolto una serie di 10 foto che dimostreranno che l'affermazione «Amstaff cane pericoloso» è tutt'altro che veritiera! (Wamiz.it)

Gli esemplari di questo genere, nella maggior parte dei casi, hanno un carattere dominante, tanto da essere veri e propri cani da guardia. L’esperto, in tal senso, ha sottolineato che è indispensabile favorire la socializzazione nei cani, fin dalle prime settimane di vita (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr