Coronavirus, gli ambulanti in piazza a Pallanza: 'Abbiamo le ossa rotte'

Coronavirus, gli ambulanti in piazza a Pallanza: 'Abbiamo le ossa rotte'
Video - La Stampa INTERNO

Non stiamo chiedendo l'elemosina a nessuno, chiediamo solo di poter lavorare".

Servizio di Beatrice Archesso e Danilo Donadio. . . GALLERY - Striscioni e cartelli: la protesta degli ambulanti a Verbania

Questa mattina, mercoledì 7 aprile, gli ambulanti che hanno i loro banchi nei mercati settimanali del Vco hanno protestato in piazza a Pallanza, davanti al municipio.

Uno dei rappresentanti della categoria, Daniele Lattanzi, ha così sintetizzato la situazione: "Non sappiamo più come andare avanti, l'anno scorso ci siamo fatti male, questa volta abbiamo proprio le ossa rotte. (Video - La Stampa)

Su altri media

Un problema di disorganizzazione quindi e di assenza di comunicazione in un periodo in cui organizzarsi vuol dire innanzitutto garantire quanto previsto in materia di contenimento per il Covid-19. Come evidenziato dalle foto, questa mattina molti ambulanti si sono recati a Gaeta per il consueto mercato, ma una volta in via Cavour sarebbe iniziata la protesta (h24 notizie)

Gli ambulanti, nel giorno del mercato rionale di Lido, hanno parcheggiato i loro furgoni in mezzo alla carreggiata adiacente al lungomare, bloccando il traffico e suonando ininterrottamente i clacson. Le proteste contro le chiusure imposte dal Governo continuano anche in Calabria, esattamente nel quartiere marinaro di Catanzaro. (Calabria 7)

Gli ambulanti del settore extralimentare, bloccati dalla zona rossa, montano i banchi per protesta. Durante il presidio è intervenuto anche l’assessore al Commercio di Torino Alberto Sacco, che ha espresso solidarietà ai manifestanti: «Siamo con voi (La Stampa)

Ambulanti e ristoratori, proteste e violenze | il manifesto

Sono rimasti sono gli alimentaristi, per tutti gli altri non c’è possibilità di lavorare con l’ombra del disastro economico che si fa sempre più minacciosa. La nostra protesta riguarda anche la disparità di trattamento con altre categorie commerciali, ad esempio i supermercati ed alcuni negozi specializzati (Gazzetta di Parma)

Altrimenti da lunedì tutti insieme scenderemo ciascuno a fare il nostro lavoro aprendo i mercati come se nulla fosse» Partendo dal centro storico di Catanzaro poi il corteo degli ambulanti è arrivato davanti alla sede della Cittadella regionale dove telefonicamente hanno sentito il presidente facente funzioni Nino Spirlì. (LaC news24)

Epicentri disseminati lungo la penisola e davanti a Montecitorio a Roma dove a fomentare la folla ci hanno pensato Casapound, ItalExit di Paragone e Vittorio Sgarbi. Esasperati per il blocco di mercati (non alimentari) all’aperto e per i ritardi ed eseguità di ristori e sostegni le due categorie hanno manifestato per chiedere di poter tornare a lavorare. (Il Manifesto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr