Donna si accoltella in casa a Milano davanti alla figlia 17enne: è in fin di vita

Donna si accoltella in casa a Milano davanti alla figlia 17enne: è in fin di vita
Fanpage.it INTERNO

Secondo la figlia, la donna si sarebbe ferita da sola. Da ieri mattina sono subito iniziate le indagini dei carabinieri della Compagnia Milano Porta Magenta volte ad accertare l'esatta dinamica degli eventi.

Non è chiaro nemmeno se il gesto della donna sia stato improvviso, o se prima vi sia stata una discussione con la figlia: tutte circostanze che le indagini dovranno chiarire

in foto: Foto di repertorio. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altri giornali

Da tre anni, però, combatte contro una malattia terribile che potrebbe essere sconfitta grazie all’immunoterapia sperimentale nata in Svizzera, che però si basa sulla mappatura genetica. Tuttavia, dopo aver letto la richiesta di Daniela, sua madre ha accettato di fare quel prelievo di sangue, un gesto che riacceso inevitabilmente la speranza nell’infermiera. (DiLei)

Vi avevamo raccontaro la storia di Daniela, la 47enne milanese malata di cancro, alla ricerca della madre naturale per un prelievo di sangue necessario per accedere a una cura sperimentale. La storia era stata ripresa da tutti i giornali dopo l’appello della figlia, abbandonata da piccola in un orfanotrofio, e il rifiuto della madre di aiutarla. (Younipa - il blog dell'Università degli Studi di Palermo)

Per convincere l'anziana genitrice (che ha avuto altri figli e ora è nonna) ha scritto lettere aperte, ha partecipato a trasmissioni tv e ha interessato il Tribunale dei Minori di Milano. La donna è stata convinta dopo diversi colloqui con gli psicologi del Tribunale che le hanno garantito il rispetto assoluto dell'anonimato. (leggo.it)

L’appello di Daniela è stato ascoltato: sua madre l’aiuterà nella lotta contro il cancro

Ora l'infermiera ha una speranza di trovare una cura con l'immunoterapia. Daniela Molinari, l'infermiera malata di cancro che ha chiesto aiuto alla madre biologica. La 47enne aveva rivolto nelle scorse settimane svariati appelli alla madre affinché acconsentisse al prelievo di sangue che potrebbe permettere di trovare una cura per la sua malattia. (Today.it)

Ne dà notizia la presidente del Tribunale dei Minori di Milano, dottoressa Maria Carla Gatto, ripresa da 'Chi l'ha visto'. Nei prossimi giorni - spiega Chi l'ha visto - potrà ottenere la mappatura genetica per accedere finalmente alla terapia (Adnkronos)

Ma nel frattempo ci sono stati i nuovi interrogatori dei quattro giovani, che sono stati sentiti su loro stessa richiesta. Il capo di imputazione modificato riguarda il secondo degli episodi contestati, e cioè la violenza sessuale di gruppo di cui sono accusati tre degli inquisiti: Ciro Grillo, Vittorio Lauria ed Edoardo Capitta. (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr