Tav, i primi metri a maggio: la talpa è da smontare e rimontare

Tav, i primi metri a maggio: la talpa è da smontare e rimontare
Corriere Fiorentino INTERNO

Il 30 marzo, infine, la talpa dovrebbe essere pronta per essere accesa: «Nel mese di maggio, poi, saranno scavati i primi metri».

Poi da metà settembre a metà dicembre ci sarà lo smontaggio delle parti sensibili, come lo scudo.

Il governatore ha anche chiesto di accendere la talpa: «Ho sfidato Rfi.

La talpa dovrà effettuare un percorso di 5,5 km avanti e indietro: «Il cronoprogramma è ben impostato

La «talpa» è difatti ferma da sei anni e non può subito essere in grado di realizzare la galleria. (Corriere Fiorentino)

La notizia riportata su altre testate

Ad assicurarlo è il vicedirettore generale Infrastruttura di Rete ferroviaria italiana, Vincenzo Macello, al termine di un sopralluogo ai cantieri del tunnel dell'Alta velocità nel nodo di Firenze. Lo smontaggio dello scudo avverrà fra metà settembre e metà dicembre, mentre entro fine marzo verranno rimontati i vari componenti. (LA NAZIONE)

Perché se Giani dopo il sopralluogo di ieri al cantiere di Campo di Marte é apparso rassicurato, la posizione di Palazzo Vecchio resta invece fortemente critica. Ripete il vicedirettore generale Infrastruttura di Rete ferroviaria italiana, Vincenzo Macello e sul rispetto dei tempi "stavolta ci sono garanzie robuste" (LA NAZIONE)

Invece gli immobili della zona, conclude, "sono tutti monitorati, e continueranno a essere monitorati ora e durante tutte le attività soprattutto di scavo" Il sottoattraversamento Tav a Firenze "non é assolutamente un’opera pericolosa: Rfi la vuole fare, tanto é vero che l’opera, compresa anche la quota di finanziamento legate al caro-materiale, é stata autofinanziata da Rfi". (LA NAZIONE)

AV, soddisfazione di Regione e Comune dopo sopralluogo a Firenze Campo di Marte

Valutazione positiva, da parte di Regione e Comune, dello stato del cantiere del sotto attraversamento dell’Alta Velocità alla stazione di Campo di Marte a Firenze. Il presidente dalla Regione, insieme all’assessore alle infrastrutture del Comune di Firenze, si è espresso in modo positivo rispetto al quadro complessivo del cantiere. (gonews)

Primo: che anche a Firenze si può fare, a differenza di quanto sostengono i begli spiriti locali che continuano a lanciare gridolini di allarme: Sos, sotto Firenze non si può scavare Adesso la macchina organizzativa riparte, visto che anche le macchine più o meno funzionano. (LA NAZIONE)

Il presidente dalla Regione, insieme all’assessore alle infrastrutture del Comune di Firenze, si è espresso in modo positivo rispetto al quadro complessivo del cantiere. (Ferrovie.info)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr