Lombardia pronta per la terza dose. Vaccinato più dell'80% dei cittadini

Lombardia pronta per la terza dose. Vaccinato più dell'80% dei cittadini
Prima Monza SALUTE

Una notizia appresa con grande soddisfazione dall'assessore al Welfare di Palazzo Lombardia Letizia Moratti:

Anche la Lombardia è pronta a partire con la terza dose del vaccino anti-Covid.

"Si inizierà dai pazienti trapiantati di organo solido e di cellule staminali ematopoietiche e si proseguirà con le altre categorie di pazienti immunocompromessi, come i pazienti in chemioterapia.

Terza dose: si parte anche in Lombardia. (Prima Monza)

Se ne è parlato anche su altri media

ROMA - La truffa si basa su criminali informatici che si spacciano per rappresentanti di produttori di vaccini o autorità governative e prendono di mira gli operatori ospedalieri e del ministero della salute offrendo vaccini approvati in vendita. (Giornale di Puglia)

Si mette in moto la macchina per la terza dose del vaccino anti-Covid: Si parte lunedì 20 settembre con le somministrazioni di dosi addizionali ‘booster’ – con vaccini Pfizer e Moderna – ai soggetti fragili e immunodepressi. (Wall Street Italia)

Non per tutti, spiega il professor Icardi: "Per la terza dose noi sappiamo che per chi si è ammalato di covid da virus selvaggio o chi ha anticorpi stimolati dalla vaccinazione la probabilità di contagiarsi e reinfettarsi è veramente molto molto ridotta. (Primocanale)

Antinfluenzale e terza dose contro il Covid: sarà possibile un unico vaccino?

L’Ema, l’Agenzia Europea del medicinali, ha infatti definito “non urgente” la somministrazione di una terza dose per la popolazione generale, mentre dovrebbe essere utile in questo momento per i soggetti immunocompromessi “come parte della loro vaccinazione primaria“. (Amalfi Notizie)

In Italia via alla terza dose di vaccino a partire dal 20 settembre. Lo ha annunciato il commissario all’emergenza Covid-19, il generale Francesco Paolo Figliuolo. (Kongnews)

Unico vaccino covid e antinfluenzale. “Un monodose che funga da richiamo antinfluenzale e anti-Covid sarebbe vantaggioso – ha detto Pregliasco – dal punto economico e organizzativo soprattutto per le categorie cui è raccomandato proteggersi dall’influenza: over 60 e soggetti fragili. (Notizie.it )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr