La Casa di Carta atto finale, i protagonisti: «Squid Game è fascista, noi siamo eroi antisistema»

La Casa di Carta atto finale, i protagonisti: «Squid Game è fascista, noi siamo eroi antisistema»
Il Mattino CULTURA E SPETTACOLO

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

O magari il titolo in spagnolo della serie più popolare di Netflix, El juego del calamar, è così fuorviante da confonderlo.

Dice di non capire, ma forse è una posa.

Di certo lo spagnolo Pedro Alonso, 50 anni, noto in almeno 190 paesi col nome di battaglia di Berlino, non ha nascosto ieri a Roma un certo disappunto per aver perso il primato nelle preferenze degli utenti della piattaforma, appartenuto, prima. (Il Mattino)

La notizia riportata su altri media

Fra questi Ludovica, 18 anni, che ci dice: “Sono uscita dal liceo e sono venuta subito qui ad aspettare l’inizio dell’evento. Tanti i fan giunti a Ponte Milvio ma solo gli over 18 sono stati ammessi, previa esibizione del green-pass, mentre i numerosi minorenni, alcuni anche accompagnati da genitori, sono rimasti a bocca asciutta. (Vigna Clara Blog)

Circa duecento persone si sono riunite per “La Fiesta de Papel” ai piedi della Torretta Valadier, per loro gadget a tema, selfie e riprese che, probabilmente, verranno utilizzate da Netflix per video promozionali. (romah24.com)

Ponte Milvio si tinge di rosso: è l'ultimo grande set de La casa di carta. Ponte Milvio si è tinto di rosso, numerosi i figuranti vestiti con le tute rosse e l’immancabile maschera di Dalì sul volto. Ponte Milvio l’ultimo grande set de La Casa di Carta dove i fan sono diventati “protagonisti degli ultimi saluti” (RomaToday)

"Berlino" commenta La Casa di Carta a un passo dal finale. «Il suo successo è l'amoralità dei personaggi»

Infatti, fin dalla prima stagione qualsiasi anticipazione de La casa di carta viene riportata subito su magazine, social e altri canali Il successo de La casa di carta: parola ad Enrique Arce. (Libero Tecnologia)

In cinque stagioni la serie spagnola è diventata un fenomeno mondiale, raccontando il riscatto di personaggi molto diversi, emarginati, invisibili e fragili per lo più. Il 3 dicembre arrivano su Netflix gli ultimi cinque episodi de "La Casa di Carta" e a Roma centinaia di fan si sono ritrovati per salutare i protagonisti Pedro Alonso, Belen Cuesta e Enrique Arce, interpreti di Berlino, Manila e Arturo. (Today)

"Berlino è il più odiato de La casa di carta perché è il più vero. "Una tempesta perfetta" la definisce Pedro Alonso che tutti conosciamo con il nome di Berlino. (Today)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr