Museo della Shoah, dopo il no della Comunità Ebraica Raggi annulla cerimonia: “Evitiamo polemiche”

Museo della Shoah, dopo il no della Comunità Ebraica Raggi annulla cerimonia: “Evitiamo polemiche”
Approfondimenti:
Fanpage.it INTERNO

Il lungo braccio di ferro si è concluso con la nota della sindaca, che continua: "La Comunità Ebraica di Roma ha deciso di non essere presente domani

Museo della Shoah, dopo il no della Comunità Ebraica Raggi annulla cerimonia: “Evitiamo polemiche” La cerimonia pubblica per l’apertura del cantiere avrebbe dovuto svolgersi stamattina.

L'annuncio dopo lo scontro con la Comunità Ebraica. La posa della prima pietra aveva sollevato un caso, rimasto aperto fino a poche ore prima del definitivo annuncio della sindaca. (Fanpage.it)

Se ne è parlato anche su altri media

A luglio solo 14 eletti hanno dato il loro contributo per sostenere la campagna della Raggi, per un totale di 32.535 euro Questi alcuni dei finanziatori della campagna elettorale della sindaca della Capitale Virginia Raggi, in corsa per la rielezione al Campidoglio. (Adnkronos)

Dietro quella croce piantata al cimitero Flaminio con su scritto il proprio nome, Francesca T. ha scoperto l'esistenza di un mondo dove le donne non vengono informate sulle sorti dei feti dopo l'aborto, dove i diritti ad autodeterminarsi e le libertà di culto vengono negate. (Repubblica Roma)

La campagna Libera di Abortire ha organizzato un presidio davanti al tribunale di Roma in via Damiata, 2 in occasione della prima udienza del processo sul cimitero dei feti al cimitero Flaminio di Roma. (Il Fatto Quotidiano)

Nadia Bengala si (ri)candida, una Miss per la Raggi

Trasporti. Non basta un Piano urbano sulla mobilità sostenibile per rendere Roma una città all'avanguardia, perché sui trasporti la Città è bloccata da tempo. Biblioteche e librerie indipendenti. Circondata da libri, Virginia Raggi non volta pagina sui 5 anni di Governo della città, ma insiste che in fondi del PNRR aiuterebbero "ad avere 50 biblioteche comunali entro il 2026. (RomaToday)

Il gruppo nato con l’obiettivo di sostenere la sindaca, portando avanti tematiche femminili, è poi divenuto promotore della stessa lista civica, «donne per Roma». «Credo che sia arrivato un segnale importante dalla società civile, che ha capito il cambiamento che abbiamo portato avanti. (Gazzetta di Parma)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr