Cannes, Spike Lee spoilera a inizio serata il vincitore della Palma D'Oro

Cannes, Spike Lee spoilera a inizio serata il vincitore della Palma D'Oro
361 Magazine CULTURA E SPETTACOLO

Nonostante la gaffe, la serata conclusiva della 74ma edizione del Festival del cinema di Cannes è stata, come sempre una grande festa per il cinema internazionale.

«Chiedo scusa, ho fatto casino, non l’ho fatto apposta», queste le parole di Spike Lee, al momento della premiazione di quello che forse è stato il festival più strano di sempre

Cannes, Spike Lee spoilera a inizio serata il vincitore della Palma D’Oro. (361 Magazine)

Se ne è parlato anche su altri media

Non sono riusciti a fermarlo in tempo gli altri giudici, e la gaffe è stata inevitabile. Commovente invece il momento in cui Marco Bellocchio si è visto consegnare da Paolo Sorrentino la Palma d’onore alla carriera. (neXt Quotidiano)

Cannes 2021, i Tre Piani di Moretti non convincono e Spike Lee ruba la scena. Nonostante la standing ovation di 11 minuti, ricevuta in seguito alla proiezione di Tre Piani, Nanni Moretti rimane a bocca asciutta. (Velvet Mag)

Come lo racconta bene il fatto che i due vincitori del Gran Prix siano due film narrativamente lineari (Hytti n. È un gesto di immaginazione e coraggio (i due elementi essenziali per il cinema secondo Marco Bellocchio, premiato con la Palma alla carriera) quello che ha consegnato la Palma d’oro della 74esima edizione del Festival di Cannes al secondo lungometraggio di Julia Ducournau. (NewsCinema Magazine)

Cannes 74 | tutti i vincitori del Festival (e la gaffe di Spike Lee)

Certo, il cineasta a stelle e strisce può consolarsi pensando che c’è chi ha fato peggio di lui in occasioni simili. Qualcosa però dev’essere andato storto visto che Spike Lee ha sbagliato clamorosamente i tempi dell’annuncio svelando con grande anticipo il momento più atteso dell’intera kermesse. (GameGurus)

Palma d’Onore anche all’attrice e regista statunitense Jodie Foster (FRANCIA) (ITALPRESS) – Va a “Titane” di Julia Ducournau, la Palma d’Oro del Festival di Cannes. (Sicilianews24)

È un cinema di corpi, quello di Julia Ducournau. Radicalismo e ricerca estetica: abbinarli è anche, per la giuria, un modo per occupare un preciso territorio cinematografico. (NewsCinema Magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr