Renzi: "Insulti per avere Draghi al posto di Conte? Ne valeva la pena"

Renzi: Insulti per avere Draghi al posto di Conte? Ne valeva la pena
Adnkronos INTERNO

"Valeva la pena prendersi tutti gli insulti che ci siamo presi per avere adesso Draghi al posto di Conte?

Solo il cambio di commissario ha portato al risparmio di 345 milioni di € in qualche settimana, è chiaro?"

Valeva la pena prendersi tutti gli insulti che ci siamo presi per avere adesso Draghi al posto di Conte?

Sì, ne valeva la pena".

(Adnkronos)

Ne parlano anche altri media

Abbiamo preso tanti insulti durante la crisi ma chi è in buona fede oggi deve ammettere che ne valeva la pena”. Roma - Il leader di Italia viva: “Con il generale Figliuolo risparmiati i soldi della primule e vaccinazioni a pieno ritmo". (Tuscia Web)

Lo scrive Matteo Renzi nella enews Ma specie in queste circostanze lo ricordo per quello che era: un signore. (La Sicilia)

“Il cambio di passo sui vaccini non ha solo conseguenze sanitarie, ma anche conseguenze economiche: il Pil italiano sarà rivisto al rialzo. Leggo con le lacrime agli occhi la ricostruzione delle ultime ore della povera Saman, 18 anni, uccisa presumibilmente dallo zio perché voleva vivere all’occidentale. (Italia Sera)

La gioia di Matteo Renzi: "Quelli che erano partiti per buttar giù l'Europa e uscire dall'Euro sono al governo Draghi, nati populisti e ora europeisti"

“Valeva la pena prendersi tutti gli insulti che ci siamo presi per avere adesso Draghi al posto di Conte? Solo il cambio di commissario ha portato al risparmio di 345 milioni di € in qualche settimana, è chiaro?” (Italia Sera)

E il mondo politico italiano del 2023 sarà totalmente diverso" E questo significa che siamo alle porte di un vero e proprio boom economico, se solo riusciremo a fare le scelte giuste, infondere fiducia, vivere di lavoro e non di sussidi. (Tiscali.it)

"E' stato incredibile lavorare con loro, la musica e il calcio uniscono la gente", ha affermato Garrix, presentando 'We are the people' Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr