Coronavirus e carceri, in tutto il mondo rivolte e polemiche a seguito delle scarcerazioni causate dall'emergenza

RTL 102.5 INTERNO

Negli Stati Uniti, questo ha portato un forte senso di rabbia e frustrazione alle vittime dei loro crimini.

Stati Uniti: la frustrazione delle vittime per la scarcerazione dei detenuti. Uno dei luoghi maggiormente a rischio sono le carceri dove si è resa necessaria la liberazione di alcuni detenuti.

Le rivolte sono risultate essere particolarmente violente: in Colombia, il mese scorso, data la preoccupazione per il coronavirus, si è scatenata una rivolta che ha portato alla morte di 23 prigionieri. (RTL 102.5)

Su altri media

Anche su questo il presidente Conte mi ha assicurato sostegno”. “E’ un tema che mi è molto caro – ha detto Fontana – Ho espresso in maniera molto preoccupata questo problema, considerata l’attuale chiusura dei centri estivi. (OglioPoNews)

I casi positivi sono 74.348, 869 più di ieri (590 in più il giorno prima). I pazienti in terapia intensiva sono 655, 25 in meno di ieri (-26 il giorno prima). (Il Messaggero)

(Aggiornamento di MB). Pubblicità. Ben 1.012 pazienti dimessi in più rispetto a ieri, che portano il totale a 49.483. (Il Sussidiario.net)

Nella Regione-traino dell'industria italiana, fortino della Lega che grida al "riaprite tutto", Conte ribadisce la sua ratio della fase 2: «Non ci sono le condizioni per tornare alla normalità». (Ticinonline)

Conferenza Regione Lombardia con Sala 27 aprile. Vi ricordiamo che al termine della diretta il video rimarrà disponibile. (Giornale dei Navigli)

I test all’apparato amministrativo, le strutture territoriali e il personale che lavora all’esterno dei presidi ospedalieri verranno effettuati direttamente nei punti prelievi dedicati. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr