Confindustria: nel 2021 forte rimbalzo del Pil ma caro-prezzi penalizza imprese e famiglie

Rai News ECONOMIA

Secondo Confindustria la fiducia dei consumatori a ottobre-novembre è "diminuita poco, rimanendo alta" mentre gli ordini dei produttori di beni di consumo "hanno recuperato ancora".

Centro studi Confindustria: nel 2021 forte rimbalzo del Pil ma caro-prezzi penalizza imprese e famiglie Nel quarto trimestre, però, "si sta delineando l'atteso rallentamento, per la scarsità di materie prime e semilavorati e la risalita dei contagi in Italia e in Europa,che fanno perdurare l'alta incertezza". (Rai News)

Ne parlano anche altre fonti

crescita 2021 del +3,1% per il secondo Gruppo italiano. Assemblea SELEX Gruppo Commerciale:. investimenti 2022 per 460 milioni di euro. advertisement. Per il 2022 le Imprese Selex hanno stanziato investimenti pari a 460 milioni di euro, destinati all’apertura di 95 nuovi punti di vendita, di cui 53 tra superstore e supermercati, e alla ristrutturazione di 97 unità esistenti (Sardegna Reporter)

Il rallentamento è riconducibile alle difficoltà dal lato dell’offerta: pesa anche in Italia la scarsità di alcuni input produttivi. Da gennaio ad ottobre, le attivazioni nette sono state circa 600mila, quasi 500mila in più rispetto al 2020 e oltre 190mila in più rispetto al 2019 (Il Sole 24 ORE)

na forte ripresa, ancora migliore delle stime del mese scorso, che porterà a chiudere il gap con i livelli pre-Covid nel primo trimestre del 2022. Le prospettive sono però positive, come tracciate dagli indici Pmi e ordini e attese sulla produzione. (La Repubblica)

La stima è del Centro studi Confindudustria, secondo cui “si tornerebbe al livello pre-Covid nel I trimestre 2022”. “Nel IV trimestre, si sta delineando l’atteso rallentamento, per la scarsità di materie prime e semilavorati e la risalita di contagi in Italia e Europa”. (BaraondaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr